Quick Login

Autore Topic: IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE  (Letto 8589 volte)

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #165 il: Settembre 20, 2021, 10:40:41 am »
In attacco hanno molti uomini di livello, anche se gli manca il goleador, l'uomo da venti e passa gol. E se vuoi lottare per qualcosa è utile averne uno.
Morata la scorsa stagione ha segnato venti gol, pur partendo diverse volte dalla panchina. Non vedo perché non possa ripetersi quest'anno, ora che ha scalato un gradino della gerarchia, dopo il ritorno a Manchester di Cristiano Ronaldo, e dato che quindi partirà continuativamente da titolare. Non a caso, ha già timbrato il cartellino in tutte le ultime tre partite della Juventus.

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #166 il: Settembre 20, 2021, 11:01:56 am »
In campionato ha fatto 11 gol. Se si parla di giocatore da 20 e più gol lo si intende in campionato. Dici che riuscirà a sopperire ai 30 gol in meno di ronaldo? Io ho i miei dubbi. Tra l'altro non è che abbiano fatto un grande mercato negli altri reparti. Escluso Locatelli hanno preso poco o niente. Tocca solo capire quanto l'anno scorso fosse demerito di pirlo e quanto demerito di una rosa oramai cotta e formata male.
Save by Frey...

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #167 il: Settembre 20, 2021, 11:19:40 am »
In campionato ha fatto undici gol. Se si parla di giocatore da venti e più gol lo si intende in campionato. Dici che riuscirà a sopperire ai trenta gol in meno di Ronaldo? Io ho i miei dubbi.
Ai gol di Cristiano Ronaldo non dovrà sopperire solo lui, ma l'intero reparto offensivo, chiamato ad una responsabilizzazione e, soprattutto, a un minutaggio maggiore. Dybala, per dire, lo scorso anno ha segnato quattro gol (stesso bottino di un difensore centrale come Mancini, per intenderci), in Campionato. Detto ciò, un attacco formato da Chiesa, Cuadrado, Dybala, Kean, Kulusevski e Morata non ha proprio NULLA da invidiare alle dirette rivali, perlomeno in Italia. Anche a livello realizzativo.

P. S. Comunque il Calcio non è un'equazione matematica. I problemi attuali della Juventus c'entrano poco e nulla, a mio avviso, con l'assenza di un giocatore da trenta gol in Campionato.

Stavro-wolski

  • Supporter
  • ***
  • Post: 1423
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #168 il: Settembre 20, 2021, 11:54:15 am »
Io sto cominciando a pensare che Allegri sia peggiorato parecchio durante la sua pausa.
Pausa in cui peraltro si è beato di dire "Ho visto poche partite, quando non alleno ne vedo poche, non mi diverto".
Nel calcio di oggi nessuno può permetterselo se vuole restare al top.
Always Go Purple!

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #169 il: Settembre 20, 2021, 12:07:42 pm »
Io sto cominciando a pensare che Allegri sia peggiorato parecchio durante la sua pausa.
A mio avviso, è sempre il solito Allegri, non vedo troppe differenze. La proposta di un impianto di gioco fortemente reattivo, le ormai canoniche due linee a quattro strette verticalmente e orizzontalmente, basse e molto vicine tra di loro, delle sue squadre, la ricerca di veloci transizioni attive per risalire il campo, l'inserimento senza palla della mezzala per dare profondità e compensare i movimenti incontro dell'attaccante (ieri erano Biondini, Nocerino, Vidal e Khedira, oggi McKennie), etc. sono tutti leit motiv del Calcio di Allegri. Pertanto, non deve nemmeno sorprendere questa partenza a rilento della Juventus, dato che l'ex-allenatore, tra le altre, di Cagliari e Milan impiega sempre un periodo iniziale di studio della rosa che ha a disposizione, prima di restituire alla sua squadra una forma compatta, definita e, soprattutto, definitiva e cominciare, pertanto, a carburare.

Stavro-wolski

  • Supporter
  • ***
  • Post: 1423
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #170 il: Settembre 20, 2021, 12:16:22 pm »
A mio avviso, è sempre il solito Allegri, non vedo troppe differenze. La proposta di un impianto di gioco fortemente reattivo, le ormai canoniche due linee a quattro strette verticalmente e orizzontalmente, basse e molto vicine tra di loro, delle sue squadre, la ricerca di veloci transizioni attive per risalire il campo, l'inserimento senza palla della mezzala per dare profondità e compensare i movimenti incontro dell'attaccante (ieri erano Biondini, Nocerino, Vidal e Khedira, oggi McKennie), etc. sono tutti leit motiv del Calcio di Allegri. Pertanto, non deve nemmeno sorprendere questa partenza a rilento della Juventus, dato che l'ex-allenatore, tra le altre, di Cagliari e Milan impiega sempre un periodo iniziale di studio della rosa che ha a disposizione, prima di restituire alla sua squadra una forma compatta, definita e, soprattutto, definitiva e cominciare, pertanto, a carburare.

Eh per l'appunto: è il solito Allegri; ma l'ultimo Allegri risaliva a 2-3 anni fa. Forse sarebbe il caso di apportare qualche modifica. Lo fanno tutti, da Pep a Klopp a Conte.
Capisco il periodo di rodaggio ma 2 punti in 4 partite, con la rosa che ha a disposizione, sono davvero preoccupanti per i gobbi.
Always Go Purple!

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #171 il: Settembre 20, 2021, 01:13:39 pm »
Eh, per l'appunto: è il solito Allegri, ma l'ultimo Allegri risaliva a due/tre anni fa. Forse sarebbe il caso di apportare qualche modifica.
Ma su questo sono d'accordo al 100%, sia chiaro. Nel Calcio di oggi, per un allenatore, non aggiornarsi equivale a fare diversi passi indietro, dato che il resto d'Europa nel frattempo va avanti, compreso perfino un Paese tradizionalmente conservatore e reazionario come quello italiano (anche se ovviamente molto più lentamente di tante altre realtà). Detto ciò, che Allegri fosse rimasto inchiodato al suo "vecchio" modo di predicare Calcio, era cosa nota e risaputa, non fosse altro per le diverse interviste rilasciate ai media nazionali. Quindi mi viene difficile pensare che la dirigenza juventina fosse impreparata a ciò. Anzi, al contrario: credo che fosse proprio quello che voleva (al di là dei risultati scadenti di questo inizio stagionale, ovviamente), ossia un ritorno alle origini e una restaurazione che permettesse ai bianconeri di tornare a praticare "il proprio" Calcio, quello che alla fine, per loro stessa ammissione, gli appartiene per DNA.

Capisco il periodo di rodaggio, ma due punti in quattro partite, con la rosa che ha a disposizione, sono davvero preoccupanti.
Esattamente come potevano sembrare preoccupanti i cinque punti dopo altrettante gare di inizio Campionato 2015/16, quello poi conclusosi, per la Juventus, comunque con lo Scudetto, grazie a 24 vittorie nelle 25 giornate conclusive, con tanto di striscia di quindici partite consecutive in cui i bianconeri hanno ottenuto i tre punti. Ripeto: MAI fidarsi delle partenze a singhiozzo delle squadre di Allegri.

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #172 il: Settembre 20, 2021, 02:00:18 pm »
Ai gol di Cristiano Ronaldo non dovrà sopperire solo lui, ma l'intero reparto offensivo, chiamato ad una responsabilizzazione e, soprattutto, a un minutaggio maggiore. Dybala, per dire, lo scorso anno ha segnato quattro gol (stesso bottino di un difensore centrale come Mancini, per intenderci), in Campionato. Detto ciò, un attacco formato da Chiesa, Cuadrado, Dybala, Kean, Kulusevski e Morata non ha proprio NULLA da invidiare alle dirette rivali, perlomeno in Italia. Anche a livello realizzativo.

P. S. Comunque il Calcio non è un'equazione matematica. I problemi attuali della Juventus c'entrano poco e nulla, a mio avviso, con l'assenza di un giocatore da trenta gol in Campionato.

Non è l'assenza di ronaldo. Come vedi io ho parlato di una squadra con una difesa vecchia ma forte ed un centrocampo che non rispecchia certo il valore che la squadra vorrebbe avere. I nomi che hai fatto in attacco, escluso kean, erano presenti anche lo scorso anno. Certo, se segnano 10 gol a testa avranno un bel bottino. Ma allora se fa 10 gol nico, 10 gol sottil, 10 gol callejon e qualcuno anche saponara possiamo lottare per la Champions. Ma la realtà è che questo non avverrà.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #173 il: Settembre 20, 2021, 02:01:53 pm »
A mio avviso, è sempre il solito Allegri, non vedo troppe differenze. La proposta di un impianto di gioco fortemente reattivo, le ormai canoniche due linee a quattro strette verticalmente e orizzontalmente, basse e molto vicine tra di loro, delle sue squadre, la ricerca di veloci transizioni attive per risalire il campo, l'inserimento senza palla della mezzala per dare profondità e compensare i movimenti incontro dell'attaccante (ieri erano Biondini, Nocerino, Vidal e Khedira, oggi McKennie), etc. sono tutti leit motiv del Calcio di Allegri. Pertanto, non deve nemmeno sorprendere questa partenza a rilento della Juventus, dato che l'ex-allenatore, tra le altre, di Cagliari e Milan impiega sempre un periodo iniziale di studio della rosa che ha a disposizione, prima di restituire alla sua squadra una forma compatta, definita e, soprattutto, definitiva e cominciare, pertanto, a carburare.

Potrei sbagliarmi ma non ricordo una partenza del genere di allegri coi gobbi.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #174 il: Settembre 20, 2021, 02:02:55 pm »
Eh per l'appunto: è il solito Allegri; ma l'ultimo Allegri risaliva a 2-3 anni fa. Forse sarebbe il caso di apportare qualche modifica. Lo fanno tutti, da Pep a Klopp a Conte.
Capisco il periodo di rodaggio ma 2 punti in 4 partite, con la rosa che ha a disposizione, sono davvero preoccupanti per i gobbi.

È quello che ho sempre detto su altri allenatori. Il rischio è di non rimanere aggiornati sull'evoluzione tecnica.
Save by Frey...

alex1950

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1758
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #175 il: Settembre 20, 2021, 02:42:02 pm »
A Di Francesco si può dire tutto, tranne che sia un allenatore integralista o che abbia sempre "forzato" le sue squadre a giocare con il 4-3-3. Appena giunse alla Roma dal Sassuolo, dovette subito far fronte alla partenza di Salah e alla sua sostituzione con Defrel (voluto da lui, a dirla tutta), Schick e Ünder, ossia una seconda punta, un vice-Džeko e un giovane all'epoca ancora troppo acerbo per il Campionato italiano. Morale della favola: iniziò la stagione provando diverse soluzioni per attuare il 4-3-3, ma alla fine si arrese e la chiuse con un 3-4-2-1 fortemente asimmetrico (grazie alla licenza concessa a Nainggolan di svariare un po' ovunque, sulla trequarti). L'annata seguente ricevette "in regalo" dalla sessione estiva di mercato del 2018 un altro esterno offensivo molto acerbo (Kluivert), due trequartisti come Cristante (reduce da una stagione all'Atalanta in cui Gasperini lo schierava immediatamente alle spalle della prima punta) e Pastore e un altro centrocampista centrale come Nzonzi: in pratica, la mancata sostituzione delle mezzali che erano state cedute in quella stessa finestra di mercato (Nainggolan e Strootman) e l'abbondanza di trequartisti furono i fattori principali che costrinsero di fatto Di Francesco a "sposare" la causa del 4-2-3-1. Ma anche nella sua breve parentesi alla Sampdoria (squadra che da anni si fondava sul rombo di centrocampo e le due punte, tipici elementi del Calcio predicato da Giampaolo), optò fin da subito per il 3-4-1-2, con Ramírez trequartista e uno tra Bonazzoli, Caprari o, molto più spesso, Gabbiadini affianco a Quagliarella. Il Cagliari, dopo il Sassuolo, ha rappresentato forse l'unica sua vera possibilità di riproporre qualcosa che si avvicinasse teoricamente al 4-3-3, ma comunque pur sempre con diversi accorgimenti dettati dalla necessita di restituire centralità (non solo in senso simbolico, ma proprio letterale, ossia di occupazione centrale della trequarti) a João Pedro. Quest'ultima fase della sua carriera con il Verona, infine, nemmeno la prendo in considerazione, data l'insensatezza della convinzione che una squadra evolutasi nell'ultimo biennio secondo i dettami di Jurić, potesse davvero funzionare con Di Francesco, che comunque ha provato ad insistere con la difesa a tre e con il sistema di marcature a uomo. Tutto questo discorso non è volto a una difesa dei meriti di Di Francesco, né tantomeno a volerlo rivalutare come allenatore, anche perché a me non è mai piaciuto. Tuttavia, ripeto, affermare che sia un allenatore integralista è un falso storico.

Sarà anche un falso storico, ma il 433 è un modulo che Di Francesco propone e predilige sempre nelle squadre che allena, ma .... Di Francesco non era l'OGGETTO della mia critica, indirizzata su ben altri COLPEVOLI.
Non era lui sotto processo ma chi ha un potere decisionale molto più alto e che spesso per non ammettere di aver sbagliato, da la colpa ad altri .... generalmente l'allenatore.
La società intesa come Presidente e DG o DS o DT.

Cristante Naingolaan Pastore Strootman e gli altri ...... quì eravamo alle prese con Gil Dias Mirallas Maxi Olivera e Norgaard  !

#Quando devi (ri)costruire devi avere un progetto tecnico. Firenze è una città che stimola molto ma chiede anche molto. All'esterno ci sono situazioni che non vanno.#CesarePrandelli#

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #176 il: Settembre 20, 2021, 05:19:58 pm »
I nomi che hai fatto in attacco, escluso Kean, erano presenti anche lo scorso anno.
E infatti, pur sottraendo dall'equazione i gol dello scorso Campionato di Cristiano Ronaldo, il reparto offensivo della Juventus ha saputo comunque produrre 28 gol, nella passata annata di Serie A (esattamente come il fronte d'attacco dell'Inter Campione d'Italia, al netto di Lukaku, per intenderci). Quest'anno, con un minutaggio maggiore ripartito fra tutti gli effettivi juventini dalla trequarti in su, non vedo quali problemi realizzativi la squadra di Allegri potrebbe mai riscontrare, perlomeno in termini di qualità dei singoli. Semmai, è la proposta di gioco perseguita dal loro allenatore che potrebbe tarpare le ali ai giocatori offensivi della Juventus, non certo viceversa.

Certo, se segnano dieci gol a testa avranno un bel bottino. (...) Ma la realtà è che questo non avverrà.
Alla Juventus non serve affatto che TUTTI gli elementi del proprio reparto offensivo segnino dieci gol a testa in Campionato, per poter arrivare tra le prime quattro in classifica. Quando i bianconeri si laurearono Campioni d'Italia nel 2014/15 (primo anno di Allegri sulla panchina juventina), solamente Tévez superò i dieci gol nel torneo. Nel 2015/16, solo Dybala e Mandžukić riuscirono ad arrivare in doppia cifra realizzativa (parlando sempre di Serie A). Nei due anni successivi, ci riuscirono entrambe le volte esclusivamente Dybala e Higuaín, e comunque per loro fu sempre Scudetto, alla fine. Addirittura, nel 2018/19, al di là di Cristiano Ronaldo, nessun altro della rosa bianconera sfondò il muro dei dieci gol, eppure la squadra di Allegri vinse il titolo con una facilità imbarazzante. Idem nel 2019/20, in cui, oltre al portoghese, fu nuovamente il solo Dybala a superare quota dieci reti. Questi dati confermano che Allegri non ha certo la necessità impellente di mettere ogni singolo elemento del proprio reparto offensivo nelle condizioni di arrivare a/superare la doppia cifra realizzativa: non è da questo elemento che passano le probabilità della sua squadra di piazzarsi tra le prime, al termine del Campionato.

Potrei sbagliarmi, ma non ricordo una partenza del genere di Allegri, con i bianconeri.
Se la Juventus dovesse vincere la prossima partita contro lo Spezia, uguaglierebbero la media punti, sempre nelle prime cinque giornate, della stagione 2015/16.

alex1950

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1758
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #177 il: Settembre 20, 2021, 09:12:31 pm »
Allegri vs Chiesa : "deve crescere qui siamo alla Rubentus ...."....vuoi vedere che, in parte anche per problemi economici, ...ce lo rimandano  Cre_pap ?
#Quando devi (ri)costruire devi avere un progetto tecnico. Firenze è una città che stimola molto ma chiede anche molto. All'esterno ci sono situazioni che non vanno.#CesarePrandelli#

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #178 il: Settembre 20, 2021, 10:48:15 pm »
E infatti, pur sottraendo dall'equazione i gol dello scorso Campionato di Cristiano Ronaldo, il reparto offensivo della Juventus ha saputo comunque produrre 28 gol, nella passata annata di Serie A (esattamente come il fronte d'attacco dell'Inter Campione d'Italia, al netto di Lukaku, per intenderci). Quest'anno, con un minutaggio maggiore ripartito fra tutti gli effettivi juventini dalla trequarti in su, non vedo quali problemi realizzativi la squadra di Allegri potrebbe mai riscontrare, perlomeno in termini di qualità dei singoli. Semmai, è la proposta di gioco perseguita dal loro allenatore che potrebbe tarpare le ali ai giocatori offensivi della Juventus, non certo viceversa.
Alla Juventus non serve affatto che TUTTI gli elementi del proprio reparto offensivo segnino dieci gol a testa in Campionato, per poter arrivare tra le prime quattro in classifica. Quando i bianconeri si laurearono Campioni d'Italia nel 2014/15 (primo anno di Allegri sulla panchina juventina), solamente Tévez superò i dieci gol nel torneo. Nel 2015/16, solo Dybala e Mandžukić riuscirono ad arrivare in doppia cifra realizzativa (parlando sempre di Serie A). Nei due anni successivi, ci riuscirono entrambe le volte esclusivamente Dybala e Higuaín, e comunque per loro fu sempre Scudetto, alla fine. Addirittura, nel 2018/19, al di là di Cristiano Ronaldo, nessun altro della rosa bianconera sfondò il muro dei dieci gol, eppure la squadra di Allegri vinse il titolo con una facilità imbarazzante. Idem nel 2019/20, in cui, oltre al portoghese, fu nuovamente il solo Dybala a superare quota dieci reti. Questi dati confermano che Allegri non ha certo la necessità impellente di mettere ogni singolo elemento del proprio reparto offensivo nelle condizioni di arrivare a/superare la doppia cifra realizzativa: non è da questo elemento che passano le probabilità della sua squadra di piazzarsi tra le prime, al termine del Campionato.
Se la Juventus dovesse vincere la prossima partita contro lo Spezia, uguaglierebbero la media punti, sempre nelle prime cinque giornate, della stagione 2015/16.

Tevez fece 20 gol. L'anno dopo dybala ne fece 20 anche lui. Ogni scudetto juventino ha visto ottimi marcatori. Aggiungici la stessa difesa ma molto più giovane ed un centrocampo molto più forte. Comunque non sto mica dicendo che vanno in serie b? Sto dicendo che ritengo difficile che ripetano le rimonte di un tempo.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5538
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #179 il: Settembre 20, 2021, 10:49:25 pm »
Allegri vs Chiesa : "deve crescere qui siamo alla Rubentus ...."....vuoi vedere che, in parte anche per problemi economici, ...ce lo rimandano  Cre_pap ?

Certo che un attacco nico-vlahovic-chiesa ci porterebbe in zona alta classifica...
Save by Frey...