Quick Login

Autore Topic: IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE  (Letto 8671 volte)

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #150 il: Settembre 13, 2021, 06:10:09 pm »
Impossibile dare giudizi, se non totalmente parziali, su questo inizio di Serie A. L'Atalanta, proprio per come è sviluppato il suo impianto tattico, riesce a trasformarsi in schiacciasassi quando entra nel periodo di zenit della propria forma atletica e, di conseguenza, riesce a imporre ritmi difficilmente sostenibili per gli avversari, perlomeno in Italia. Dunque, il fatto che quest'anno sia partita così a rilento (quattro punti in tre partite, che, senza il gol di Piccoli negli ultimi sgoccioli della prima giornata, sarebbero stati due) non è dimostrazione di nulla: anche la scorsa stagione, nonostante l'en plein delle prime tre partite di Campionato, s'imbatté, subito dopo, in una parentesi negativa, collezionando soli cinque punti nelle successive sei. Le squadre di Sarri, inoltre, è normale che paghino un periodo di apprendistato iniziale, quando l'allenatore toscano s'insedia in panchina, data la "rivoluzione Copernichiana" che spesso si è trovato costretto a mettere in atto. Con la Juventus questo non accadde, in quanto allo stesso Sarri non fu consentita la possibilità di alcun stravolgimento radicale della metodologia lavorativa, però già il Napoli, nella stagione 2015/16, passò una fase iniziale di rodaggio, prima di automatizzare tutte le situazioni di gioco e trasformarsi, da lì in poi, in un rullo compressore. Infine, non è un'anomalia statistica nemmeno la partenza "ad handicap" delle squadre di Allegri, anche se per ragioni diametralmente opposte a quelle di Sarri: in questo caso, l'ex-allenatore di Cagliari e Milan, maestro nel plasmare i suoi principi di gioco in direzione "bottom up", si prende sempre un periodo di tempo inziale per sperimentare e cercare di capire quali ruoli e quali compiti tattici possano far rendere al massimo gli elementi effettivi delle sue rose (basta citare l'invenzione di Mandžukić dirottato sulla fascia e trasformato in esterno offensivo). Nota conclusiva sull'Inter: nonostante le partenze eccellenti di quest'estate, la rosa nerazzurra rimane comunque di un livello altissimo e il fatto che sia stato scelto, per il dopo Conte, un allenatore che non avesse bisogno di attuare mutazioni profonde sul modulo di gioco (pur con le differenze evidenti tra i due, per quanto riguarda il SISTEMA di gioco, che è una cosa differente) garantisce quel minimo di continuità che ha aiutato a far sì che il passaggio di consegne fosse più dolce e meno traumatico. Del resto, stiamo parlando di una squadra che ha pur sempre sette punti in classifica e che ieri ha prodotto almeno altre tre nitide occasioni da gol, dopo il secondo pareggio blucerchiato. Principalmente, ieri l'Inter ha sofferto venti minuti (quelli iniziali del secondo tempo) di Bereszyński, che sembrava Cafu nel 2001, e di un Adrien Silva in versione Kanté.
C'è da dire che Conte, in passato, ha lasciato la Juventus nel 2014, subito prima che i bianconeri raggiungessero due finali di Champions in tre anni, oltre alla solita valanga di trofei nazionali, e il Chelsea nell'estate immediatamente antecedente alla stagione in cui i "Blues" sono tornati a vincere in Europa. Tutto questo per dire che il tempismo degli addii di Conte non sembra essere sempre così ben calibrato, dall'ex-allenatore anche della Nazionale.

Con la samp il risultato è stato in bilico fino alla fine. Grandi possibilità realizzative ma molto incerta a livello difensivo. Rimane una squadra forte, ma credo non la più forte quest'anno. Allegri credo che invece pagherà dei mercati fatti dai dirigenti juventini abbastanza anonimi. L'ultimo, quello di prendere Kean al posto di Cristiano Ronaldo, specialmente dopo che Kean lo avevano venduto perché non ci credevano. Della tua roma cosa ne pensi? Io ancora non riesco a capirla.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #151 il: Settembre 13, 2021, 06:12:17 pm »
Principalmente gli allenatori, da Conte a Mourinho pensano a se stessi ed è molto più facile lasciare dopo una vittoria e con giocatori importanti che se ne vanno, che rischiare di fare brutte figure restando con una squadra che non ha le stesse potenzialità ed è anche satura dal successo conseguito l'anno prima.

Conte è un allenatore da mordi e fuggi. E gli piace vincere facile. Dopo 2/3 anni della sua conduzione i giocatori non lo reggono più !

Discorso a parte è essere l'allenatore di una società che in Italia la fa da padrona. Lì conta solo vincere. In più negli anni duemila dopo calciopoli a loro vincere il campionato italiano interessa solo come ... risarcimento dell'anno di serie B che gli hanno inflitto. L'obbiettivo adesso è solo la CL che neppure Allegri è riuscito a raggiungere, nonostante i cinque campionati vinti.

Hanno provato con Sarri prima e con Pirlo (rischiando poi) di migliorare il gioco, ma è una "filosofia" che non gli appartiene tant'è che sono tornati sul pratico sicuro.
Se ci riesca è tutto da vedere, perchè la forbice tecnica che c'era tre/quattro anni fa adesso non c'è più.
Ed Allegri è un pratico che sa bene che se non hai i giocatori più che buoni i risultati non li fai.
Vediamo che s'inventerà.

Allegri pensa al sodo. Pensa prima a non prenderne. Ma ha bisogno di gente in grado di giocare il pallone e di segnare. Ed oggi sono messi peggio di molte squadre. Poi vincerà lo scudetto, ma ci credo poco.
Save by Frey...

franciwlf

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1814
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #152 il: Settembre 13, 2021, 10:28:59 pm »
Allegri pensa al sodo. Pensa prima a non prenderne. Ma ha bisogno di gente in grado di giocare il pallone e di segnare. Ed oggi sono messi peggio di molte squadre. Poi vincerà lo scudetto, ma ci credo poco.
a gennaio cacciano ramsey e prendono icardi e vincono il campionato

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #153 il: Settembre 14, 2021, 12:57:09 am »
Tocca vedere a quanti punti dalla prima si trovano a gennaio...
Save by Frey...

alex1950

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1769
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #154 il: Settembre 14, 2021, 07:04:25 pm »
Pronti via e già due allenatori fatti fuori: Di Francesco e Semplici !
Probabilmente, al di là dei valori tecnici dei giocatori a disposizione e delle idee proposte, alla base c'è sicuramente la mancanza di fiducia della società nei confronti delle persone Di Francesco e Semplici.

Come cazzo si fa a valutare il lavoro dopo tre partite !
Vuol dire che i presidenti avevano scelto male ? O che non hanno avuto pazienza ? O più semplicemente che voglion fare un mestiere inadatto alle loro capacità !

Alla base dei successi di un gruppo di lavoro calcistico ci sono sempre due fattori (per chi dirige): competenza e professionalità, spesso ne manca una ...  o l'altra, ... a volte tutt'e due  !

Capita. Anche a queste latitudini.
#Quando devi (ri)costruire devi avere un progetto tecnico. Firenze è una città che stimola molto ma chiede anche molto. All'esterno ci sono situazioni che non vanno.#CesarePrandelli#

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #155 il: Settembre 14, 2021, 08:02:23 pm »
Io però vorrei chiedere ai DS il motivo per cui si affida una squadra ad un allenatore che negli ultimi tre anni ha fatto 4 vittorie, 6 pareggi e 23 sconfitte. Molti si mneravigliano dell'esonero i Di Francesco, io continuo a meravigliarmi della gente che lo assume. Non ha le capacità di fare l'allenatore, basta che lo capisca. Ma ovviamente se c'è qualcuno disposto a dargli soldi lui fa benissimo a firmare.

Discorso diverso per Semplici. Ti ha portato in salvo una squadra disastrata da, appunto, Di Francesco e dopo tre partite già lo cacci? Qua condivido in pieno quello che dici.
Save by Frey...

alex1950

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1769
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #156 il: Settembre 15, 2021, 05:18:28 pm »
Sono due situazioni diverse con un comune denominatore: l'incompetenza societaria.

Il Verona giocava da due anni a uomo, con Juric,  e va a prendere uno, Di Francesco, che, da secoli,  fa il 433 integrale. Dov'è la logica ?
Il Cagliari si è salvato per merito di Semplici, il Presidente non lo voleva riconfermare, poi l'ha fatto,  come la Fiorentina con Iachini,  ... per riconoscenza ?
E' evidente chi ha sbagliato .... ma paga sempre il solito.
#Quando devi (ri)costruire devi avere un progetto tecnico. Firenze è una città che stimola molto ma chiede anche molto. All'esterno ci sono situazioni che non vanno.#CesarePrandelli#

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #157 il: Settembre 15, 2021, 06:11:34 pm »
Vabbè, l'allenatore paga relativamente. Presumo che di Francesco abbia due anni di libero cazzeggio pagato...
Save by Frey...

alex1950

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1769
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #158 il: Settembre 16, 2021, 12:39:04 pm »
"Pagano" per errori non loro.
Troppo poche 3 domeniche per ...  fare miracoli
I soldi per questi protagonisti (allenatori, calciatori) non sono mai un problema.
Anche quelli che guadagnano di meno hanno disponibilità bancarie per altre 4/5 generazioni ...
Se uno, però,  ha un po' di amor proprio ...  un'esonero, credo sia uno smacco che lascia il segno.
#Quando devi (ri)costruire devi avere un progetto tecnico. Firenze è una città che stimola molto ma chiede anche molto. All'esterno ci sono situazioni che non vanno.#CesarePrandelli#

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #159 il: Settembre 16, 2021, 04:18:33 pm »
Un allenatore dovrebbe anche essere in grado di rifiutare. Se Semplici è stato confermato solo per gratitudine allora deve essere il tecnico stesso a saper dire un no grazie.
Save by Frey...

RaySantilli

  • Simpatizzante
  • **
  • Post: 742
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #160 il: Settembre 16, 2021, 06:30:12 pm »
In ogni caso 3 partite sono poche per decidere, anche Allegri allora andrebbe esonerato con una squadra ben piu forte di Verona o Cagliari... poi magari si sono mandati a fanculo, questo non possiamo saperlo...

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #161 il: Settembre 17, 2021, 02:47:17 pm »
La Roma per ora sta andando avanti anche un po' a culo. Se regge il culo, o se iniziano a non averne bisogno, potranno lottare per i piani alti.

Della tua Roma cosa ne pensi? Io ancora non riesco a capirla.

La Roma, al momento, sta facendo molto bene grazie ad uno stato di grazia di alcuni singoli elementi (sei nomi su tutti: Abraham, El Shaarawy, Mxit'aryan, Pellegrini, Rui Patricio e Veretout), che stanno tramutando in oro tutto quello che toccano (nonostante la relazione profonda e intima tra il centravanti inglese e i pali e l'egoismo sotto porta di Pellegrini, nel secondo tempo dell'ultima sfida contro il Sassuolo). Appena anche Zaniolo tornerà ad abituarsi al ritmo partita e al pieno controllo della connessione tra mente e corpo, Mourinho potrà contare su una batteria offensiva spaventosa. I maggiori problemi, semmai, nascono dal fatto che Karsdorp agisce ormai quasi esclusivamente da esterno offensivo "di supporto" e fatica a coprire l'intera fascia nelle transizioni negative, generando a cascata problemi di copertura anche per Mancini, che in questo inizio di stagione si è trovato spesso scoperto sul proprio fianco destro e preso in mezzo tra esterno avversario e taglio alle spalle del centravanti, oppure inserimento di un centrocampista: ad esempio, il gol del pareggio del Sassuolo di domenica scorsa è stato originato proprio da una situazione del genere, così come del resto almeno due delle colossali occasioni create dalle accelerazioni di Boga. Probabilmente, l'olandese deve ancora (ri-)abituarsi ad agire da terzino di una difesa a quattro e non, come lo scorso anno, come quinto di centrocampo, coperto dunque da un reparto arretrato disposto a tre. Oltre a tutto ciò, ad oggi la tenuta difensiva giallorossa sta pagando molto la totale ed inquietante incapacità palesata da Viña nel difendere in uno contro uno dentro l'area di rigore: il modo in cui è stato scherzato da Bonaventura nella partita inaugurale di questo Campionato e da Berardi (in due occasioni, da cui sono nati altrettanti gol, anche se uno fortunatamente annullato per fuorigioco iniziale) domenica scorsa è stato imbarazzante.

Grandi possibilità realizzative, ma molto incerta a livello difensivo.
Siccome parlavi dell'Inter, presumo, tenderei a non concordare affatto con quest'affermazione: il reparto arretrato nerazzurro rimane d'élite perfino per il massimo livello europeo (basta vedere la prestazione di Škriniar di due giorni fa, contro il Real Madrid), figuriamoci per l'Italia. Senza considerare che i due quinti di centrocampo titolari (ossia Darmian e Dimarco, in attesa di capire se Dumfries può scalare rapidamente le gerarchie) hanno caratteristiche maggiormente difensive, "nascendo" di fatto come terzini.

Allegri (...) ha bisogno di gente in grado di giocare il pallone e di segnare.
Allegri ha un bisogno assoluto di giocatori che sappiano risalire il campo, "trascinando" proprio fisicamente la palla dalla propria trequarti fino a quella avversaria, oppure attraverso le connessioni verticali tra centrocampo e attacco. E con giocatori come Alex Sandro, Chiesa, Cuadrado, Danilo, Kulusevski, McKennie (bravissimo a inserirsi senza palla) Morata e Rabiot, ossia tutta gente che a campo aperto diventa devastante, direi che il materiale umano con queste specifiche caratteristiche tecniche non gli manca proprio. Come sempre, però, gli ci vorrà del tempo per plasmare tutta questa abbondanza e restituirle una forma definita e funzionale.

P. S. Detto ciò, la Juventus a Gennaio deve assolutamente tornare sul mercato e comprare un portiere titolare.

A Gennaio cacciano Ramsey, prendono Icardi e vincono il Campionato.
Per caratteristiche tecniche, Icardi mi sembra tanto il tipico profilo che NON serve assolutamente, alla Juventus di Allegri: un centravanti statico che considera l'area di rigore avversaria quale proprio habitat naturale faticherebbe a permettere quella risalita rapida del pallone, che ogni squadra iper-reattiva deve ricercare, per rendersi pericolosa. Ad oggi, ai bianconeri, più che Icardi, servirebbe un Silvestri.
« Ultima modifica: Settembre 17, 2021, 02:55:05 pm da Gabriel_Omar »

franciwlf

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 1814
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #162 il: Settembre 17, 2021, 04:47:51 pm »
La pensiamo diversamente evidentemente, io invece credo che avendo tanta gente in grado di saltare l'uomo e  portare il pallone in aria credo che manchi effettivamente proprio il finalizzatore. L'attaccante che  staziona in aria di rigore, che sappia fiaccare le difese con i suoi movimenti a tagliare verso l'aria di rigore.  Hai cuadrado, Dybala chiesa Bernardeschi Kulusevski che possono portare il pallone e metterlo in aria di rigore, purtroppo manca proprio chi la butti dentro perché  Morata e Kean  tendono ad uscire dall'aria partendo larghi ed infatti al centro l'aria rimane costantemente sguarnita. È ovvio che se devo scegliere preferisco Lukaku o Levandowski,  attaccanti sui quali ci si può anche appoggiare  per fare sponda, ma purtroppo non sono sul mercato...

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #163 il: Settembre 20, 2021, 12:57:31 am »
Il Verona (...) va a prendere uno, Di Francesco, che, da secoli, fa il 4-3-3 integrale.
A Di Francesco si può dire tutto, tranne che sia un allenatore integralista o che abbia sempre "forzato" le sue squadre a giocare con il 4-3-3. Appena giunse alla Roma dal Sassuolo, dovette subito far fronte alla partenza di Salah e alla sua sostituzione con Defrel (voluto da lui, a dirla tutta), Schick e Ünder, ossia una seconda punta, un vice-Džeko e un giovane all'epoca ancora troppo acerbo per il Campionato italiano. Morale della favola: iniziò la stagione provando diverse soluzioni per attuare il 4-3-3, ma alla fine si arrese e la chiuse con un 3-4-2-1 fortemente asimmetrico (grazie alla licenza concessa a Nainggolan di svariare un po' ovunque, sulla trequarti). L'annata seguente ricevette "in regalo" dalla sessione estiva di mercato del 2018 un altro esterno offensivo molto acerbo (Kluivert), due trequartisti come Cristante (reduce da una stagione all'Atalanta in cui Gasperini lo schierava immediatamente alle spalle della prima punta) e Pastore e un altro centrocampista centrale come Nzonzi: in pratica, la mancata sostituzione delle mezzali che erano state cedute in quella stessa finestra di mercato (Nainggolan e Strootman) e l'abbondanza di trequartisti furono i fattori principali che costrinsero di fatto Di Francesco a "sposare" la causa del 4-2-3-1. Ma anche nella sua breve parentesi alla Sampdoria (squadra che da anni si fondava sul rombo di centrocampo e le due punte, tipici elementi del Calcio predicato da Giampaolo), optò fin da subito per il 3-4-1-2, con Ramírez trequartista e uno tra Bonazzoli, Caprari o, molto più spesso, Gabbiadini affianco a Quagliarella. Il Cagliari, dopo il Sassuolo, ha rappresentato forse l'unica sua vera possibilità di riproporre qualcosa che si avvicinasse teoricamente al 4-3-3, ma comunque pur sempre con diversi accorgimenti dettati dalla necessita di restituire centralità (non solo in senso simbolico, ma proprio letterale, ossia di occupazione centrale della trequarti) a João Pedro. Quest'ultima fase della sua carriera con il Verona, infine, nemmeno la prendo in considerazione, data l'insensatezza della convinzione che una squadra evolutasi nell'ultimo biennio secondo i dettami di Jurić, potesse davvero funzionare con Di Francesco, che comunque ha provato ad insistere con la difesa a tre e con il sistema di marcature a uomo. Tutto questo discorso non è volto a una difesa dei meriti di Di Francesco, né tantomeno a volerlo rivalutare come allenatore, anche perché a me non è mai piaciuto. Tuttavia, ripeto, affermare che sia un allenatore integralista è un falso storico.

La pensiamo diversamente evidentemente, io invece credo che, avendo tanta gente in grado di saltare l'uomo e portare il pallone in area, manchi effettivamente proprio il finalizzatore. L'attaccante che staziona in area di rigore, che sappia fiaccare le difese con i suoi movimenti a tagliare verso l'aria di rigore.
La partita della Juventus di stasera, secondo me, chiarisce nella maniera più nitida possibile il prototipo di attaccante che serve oggi ai bianconeri e, per fortuna di Allegri, ce l'hanno già in casa, ed è Morata. Il gol segnato dallo spagnolo nella sfida di oggi contro il Milan è la rappresentazione dell'ideale fase offensiva predicata da Allegri. Tra l'altro, lo stesso Morata a livello realizzativo garantisce sempre un apporto quantitativo d'élite. Proprio in virtù di queste ragioni, continuo a ritenere che siano ben altri i ruoli su cui la dirigenza bianconera dovrebbe investire in tempi brevi, che non quello di centravanti.
« Ultima modifica: Settembre 20, 2021, 01:00:18 am da Gabriel_Omar »

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 5566
    • Mostra profilo
Re:IL CAMPIONATO DELLE ALTRE SQUADRE
« Risposta #164 il: Settembre 20, 2021, 09:53:08 am »
A me la juve non ha mai convinto a centrocampo. La difesa è ottima, anche se vecchia. In attacco hanno molti uomini di livello anche se gli manca il goleador, l'uomo da 20 e passa gol. E se vuoi lottare per qualcosa è utile averne uno. Ma a centrocampo secondo me hanno la vera carenza di squadra.

Di Francesco invece non lo reputo un allenatore. Secondo me gli manca il carattere più che le basi tecno-tattiche. Non lo vedo uomo spogliatoio e per questo motivo renderà solo in situazioni idilliache. Come tocca una squadra con un minimo di criticità inizia a far danni.
Save by Frey...