Quick Login

Sondaggio

Dai un voto al mercato invernale 2021/2022

10
0 (0%)
9
0 (0%)
8
0 (0%)
7
6 (42.9%)
6
5 (35.7%)
5
2 (14.3%)
4
0 (0%)
3
0 (0%)
2
0 (0%)
1
0 (0%)
0
1 (7.1%)

Totale votanti: 14

Autore Topic: MERCATO 2022  (Letto 206418 volte)

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5505 il: Settembre 01, 2023, 10:03:59 pm »
Totalmente deluso. Se viene un raffreddore a Ranieri (non Nesta) tocca adattare Quarta a sinistra (e già a destra combina guai). In attacco la cosa è al limite dell'assurdo. A sinistra il migliore è Kouamé. La cosa bella è che si finirà col mettere ikone a destra spostando l'unico uomo pericoloso in una zona dove rende meno. A centrocampo Lopez è un bel giocatore, ma in coppia con Arthur vedo un centrocampo leggerissimo. Questo significa Mandragora per tante partite con Duncan spesso in campo. Coito interrotto. Pradé è un maestro in questo...
Save by Frey...

avoviola

  • Supporter
  • ***
  • Post: 934
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5506 il: Settembre 01, 2023, 10:21:32 pm »
Vabbè il calcio è pieno di coppie centrali composte da due calciatori destri di piede. Quarta non sarebbe un cattivo difensore, avrebbe bisogno di un po di disciplina tattica.
Per me uno dei due centrali di centrocampo diventerà Barak quando rientrerà e occhio anche ad Infantino che scalerà posizioni. L'anno scorso ci ha giocato anche Castrovilli nei due. Per me il tassello mancante è l'esterno sx ma Ikone per me dovrebbe giocare li perché non ha il tiro per fare l'esterno invertito. Questi i miei titolari:
Terracciano (in attesa di vedere Christensen)
Dodo Milenkovic Ranieri Biraghi
Arthur Barak
Nico Bonaventura Ikone
Beltran

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5507 il: Settembre 01, 2023, 10:32:59 pm »
Totalmente deluso. Se viene un raffreddore a Ranieri (non Nesta) tocca adattare Quarta a sinistra (e già a destra combina guai). In attacco la cosa è al limite dell'assurdo. A sinistra il migliore è Kouamé. La cosa bella è che si finirà col mettere ikone a destra spostando l'unico uomo pericoloso in una zona dove rende meno. A centrocampo Lopez è un bel giocatore, ma in coppia con Arthur vedo un centrocampo leggerissimo. Questo significa Mandragora per tante partite con Duncan spesso in campo. Coito interrotto. Pradé è un maestro in questo...

Il centrocampo che avevamo con Pizarro e Borja Valero era forse più leggero ancora a livello muscolare e di altezza.
Lo scorso anno il problema maggiore lo abbiamo avuto davanti, non si buttava dentro nemmeno per sbaglio. Hanno stravolto tutto, prendendo due attaccanti con caratteristiche molto diverse tra loro (mentre prima, dopo un anno, tra Cabral e Jovic non si sapeva ancora quali fossero) e quasi sicuramente più funzionali.
Sugli esterni hai perso un panchinaro (Saponara) e lo hai sostituito con Sabiri, grosso modo siamo lì.
A centrocampo sei tornato al regista vero e proprio e non a quell'ibrido di Amrabat che tutto era fuorchè un costruttore di gioco. Hai preso anche un sostituto sul filo di lana, oltre alla "scommessa" Infantino (anche solo per sostituire Castrovilli).
Dietro hai finalmente un terzino sinistro "di ricambio" all'altezza e a destra anche io sarei stato meglio di Venuti. Igor non era più da considerarsi quel giocatore titolare di un anno fa, lo hai sostituito con un nazionale non decrepito tutto da valutare. Dietro mi aspettavo qualcosa di più, onestamente.
Il portiere è tutto da scoprire.

Secondo me si è migliorato di poco quello che avevamo (eccetto i centrali di difesa), ora la differenza la devono fare chi è rimasto e soprattutto l'allenatore che pare abbia una squadra più a sua misura che non prima (attacco e centrocampo almeno).

Darei un 6,5 al mercato per questi motivi:
+ hai migliorato l'attacco stravolgendolo, con un giocatore che conosce benissimo l'allenatore e che ti riesce a dare profondità e con un potenziale crack dando via due cariatidi
+ hai reimpostato il centrocampo con dei giochisti di buona qualità liberandoti dell'ingrato marocchino
+ hai migliorato le alternative
+ hanno agito con un pareggio di bilancio nonostante i tanti movimenti, non sono soldi miei ma hanno fatto un bel lavoro da questo punto di vista
- in difesa non hai centrali affidabilissimi

Non sono felicissimo ma neppure tanto deluso come te.
« Ultima modifica: Settembre 01, 2023, 10:34:40 pm da CHEM »
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5508 il: Settembre 02, 2023, 01:01:44 am »
Vabbè il calcio è pieno di coppie centrali composte da due calciatori destri di piede. Quarta non sarebbe un cattivo difensore, avrebbe bisogno di un po di disciplina tattica.
Per me uno dei due centrali di centrocampo diventerà Barak quando rientrerà e occhio anche ad Infantino che scalerà posizioni. L'anno scorso ci ha giocato anche Castrovilli nei due. Per me il tassello mancante è l'esterno sx ma Ikone per me dovrebbe giocare li perché non ha il tiro per fare l'esterno invertito. Questi i miei titolari:
Terracciano (in attesa di vedere Christensen)
Dodo Milenkovic Ranieri Biraghi
Arthur Barak
Nico Bonaventura Ikone
Beltran

Barak non giocherà mai al fianco di Arthur, tra l'altro in un centrocampo a due. Te ne usciresti con tre gol subiti a partita. Chi fa filtro?

Ikone non giocherà a sinistra ma sarà spostato Nico, e non è una cosa positiva. Tra l'altro sia che si giochi con Nzola, sia che si giochi con Beltran, si dovrà giocare con esterni che vanno alla conclusione perché ne Nzola, ne Beltran sono giocatori da servire con i cross.

In difesa il problema non è avere un difensore di piede destro ma un difensore abituato a giocare a destra. Inoltre Quarta commette moltissimi errori difensivi. Ha giocato pochissimo e già ci ha fatto perdere due punti con il lecce.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5509 il: Settembre 02, 2023, 01:16:49 am »
Il centrocampo che avevamo con Pizarro e Borja Valero era forse più leggero ancora a livello muscolare e di altezza.
Lo scorso anno il problema maggiore lo abbiamo avuto davanti, non si buttava dentro nemmeno per sbaglio. Hanno stravolto tutto, prendendo due attaccanti con caratteristiche molto diverse tra loro (mentre prima, dopo un anno, tra Cabral e Jovic non si sapeva ancora quali fossero) e quasi sicuramente più funzionali.
Sugli esterni hai perso un panchinaro (Saponara) e lo hai sostituito con Sabiri, grosso modo siamo lì.
A centrocampo sei tornato al regista vero e proprio e non a quell'ibrido di Amrabat che tutto era fuorchè un costruttore di gioco. Hai preso anche un sostituto sul filo di lana, oltre alla "scommessa" Infantino (anche solo per sostituire Castrovilli).
Dietro hai finalmente un terzino sinistro "di ricambio" all'altezza e a destra anche io sarei stato meglio di Venuti. Igor non era più da considerarsi quel giocatore titolare di un anno fa, lo hai sostituito con un nazionale non decrepito tutto da valutare. Dietro mi aspettavo qualcosa di più, onestamente.
Il portiere è tutto da scoprire.

Secondo me si è migliorato di poco quello che avevamo (eccetto i centrali di difesa), ora la differenza la devono fare chi è rimasto e soprattutto l'allenatore che pare abbia una squadra più a sua misura che non prima (attacco e centrocampo almeno).

Darei un 6,5 al mercato per questi motivi:
+ hai migliorato l'attacco stravolgendolo, con un giocatore che conosce benissimo l'allenatore e che ti riesce a dare profondità e con un potenziale crack dando via due cariatidi
+ hai reimpostato il centrocampo con dei giochisti di buona qualità liberandoti dell'ingrato marocchino
+ hai migliorato le alternative
+ hanno agito con un pareggio di bilancio nonostante i tanti movimenti, non sono soldi miei ma hanno fatto un bel lavoro da questo punto di vista
- in difesa non hai centrali affidabilissimi

Non sono felicissimo ma neppure tanto deluso come te.

Chem c'è una piccolissima differenza, ma roba da poco, e cioè che Pizarro era il centrocampista più forte d'Italia e valeva cento di questi Arthur (ed ho trattato bene Arthur) e Borja valeva duecento Mandragora. Inoltre avevi un Aquilani che oltre ad avere 7 anni in meno di Bonaventura era molto più interno di centrocampo (giocavi a tre, con Bonaventura anche se giochi a tre è come se giocassi con un centrocampo a due) rispetto a Jack. Sono due situazioni totalmente imparagonabili. Inoltre avevi una squadra molto più equilibrata ed una coppia di centrali come Savic e Gonzalo, non roba da poco. A destra avevi un terzino che giocava molto più in copertura mentre a sinistra c'era uno molto simile a Biraghi (secondo me più forte). Ma anche in attacco eri messo molto meglio, con gente come Jovetic, Rossi, Cuadrado. Il centrocampo doveva mirare al possesso, tanto se la piangevano quelli davanti. Questa squadra, dato il livello tecnico, invece deve avanzare in massa, difesa compresa.

Analizzando il resto si è cambiato in attacco. In meglio? Tocca vedere. Al momento con le punte siamo a zero gol in tre partite.

Sugli esterni Saponara non era certo Baggio ma dire che siamo li con Sabiri è un voler forzare le cose. Saponara tecnicamente era il più forte dell'attacco viola. Il suo problema era la continuità e la velocità. Ma in caso contrario non sarebbe venuto a Firenze. Sabiri? Non è certamente più veloce ed oggi non vale un decimo di Saponara.

Io ho dato un 6 proprio perché hanno migliorato le riserve. Peccato che oggi non si può certo dire di aver migliorato i titolari. Amrabat potrebbe anche fare schifo ma è andato al manchester, chi dei nostri oggi potrebbe essere acquistato da quel team? Nico, Milenkovic e forse nient'altro.

Non parliamo del portiere, dove dopo un intero campionato a vedere l'inutilità di Terracciano ci ritroviamo ancora con lui in porta. Sarebbe bastato prendere un portiere dal sicuro rendimento e Italiano non lo avrebbe certo atteso.

In tutto questo dobbiamo considerare anche un'altra cosa: rispetto a quale squadra davanti a noi abbiamo risucchiato possibili posizioni? Il GAP, secondo me, è aumentato.
Save by Frey...

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5510 il: Settembre 02, 2023, 08:34:15 am »
Chem c'è una piccolissima differenza, ma roba da poco, e cioè che Pizarro era il centrocampista più forte d'Italia e valeva cento di questi Arthur (ed ho trattato bene Arthur) e Borja valeva duecento Mandragora. Inoltre avevi un Aquilani che oltre ad avere 7 anni in meno di Bonaventura era molto più interno di centrocampo (giocavi a tre, con Bonaventura anche se giochi a tre è come se giocassi con un centrocampo a due) rispetto a Jack. Sono due situazioni totalmente imparagonabili. Inoltre avevi una squadra molto più equilibrata ed una coppia di centrali come Savic e Gonzalo, non roba da poco. A destra avevi un terzino che giocava molto più in copertura mentre a sinistra c'era uno molto simile a Biraghi (secondo me più forte). Ma anche in attacco eri messo molto meglio, con gente come Jovetic, Rossi, Cuadrado. Il centrocampo doveva mirare al possesso, tanto se la piangevano quelli davanti. Questa squadra, dato il livello tecnico, invece deve avanzare in massa, difesa compresa.

Analizzando il resto si è cambiato in attacco. In meglio? Tocca vedere. Al momento con le punte siamo a zero gol in tre partite.

Sugli esterni Saponara non era certo Baggio ma dire che siamo li con Sabiri è un voler forzare le cose. Saponara tecnicamente era il più forte dell'attacco viola. Il suo problema era la continuità e la velocità. Ma in caso contrario non sarebbe venuto a Firenze. Sabiri? Non è certamente più veloce ed oggi non vale un decimo di Saponara.

Io ho dato un 6 proprio perché hanno migliorato le riserve. Peccato che oggi non si può certo dire di aver migliorato i titolari. Amrabat potrebbe anche fare schifo ma è andato al manchester, chi dei nostri oggi potrebbe essere acquistato da quel team? Nico, Milenkovic e forse nient'altro.

Non parliamo del portiere, dove dopo un intero campionato a vedere l'inutilità di Terracciano ci ritroviamo ancora con lui in porta. Sarebbe bastato prendere un portiere dal sicuro rendimento e Italiano non lo avrebbe certo atteso.

In tutto questo dobbiamo considerare anche un'altra cosa: rispetto a quale squadra davanti a noi abbiamo risucchiato possibili posizioni? Il GAP, secondo me, è aumentato.

Pizarro arrivò da svincolato a 33 anni dopo una stagione in cui, tra Roma e Man City, mise insieme 12 presenze in campionato, alla faccia del "centrocampista più forte d'Italia".

Borja Valero era addirittura retrocesso col suo Villarreal, "strappato" alla feroce concorrenza per ricchi 7 mln di euro. Gran bel giocatore con una testa fuori dal comune ma in 5 anni qui non credo di avergli visto fare un lancio che fosse uno. Ci lamentiamo del gioco di Arthur e dei suoi passaggini orizzontali quando Borja era un maestro in questo. Gol? 17 in 212 presenze tra campionato e coppe, media di un gol ogni 12.5 partite, quindi più o meno 3 gol a campionato.

Aquilani ce lo regalarono, tanto era forte e tanta era la concorrenza per accaparrarselo. Il Milan (ma anche la Juve prima), che lo aveva avuto in prestito, ci disse "prego, fate pure" quando arrivammo a trattarlo.

Un centrocampo su cui in pochissimi avrebbero scommesso un euro: piccolini, fisico zero. Poi sappiamo com'è andata, ma fu una scommessa da lascia o raddoppia con molti dubbi e ancor meno certezze. A posteriori ragioni come se avessimo avuto Modric e DeBruine a centrocampo, in quel contesto avevi messo insieme un centrocampo molto anomalo spendendo 7 mln con molte incognite (non tanto sui singoli quanto sul farli giocare insieme) e poche certezze. Quindi, quando dai giudizi pensa anche a questo, col senno di poi siamo tutti fenomeni.

Rossi lo riuscimmo a prendere perchè stava insieme col fil di ferro, infatti s'è visto quanto è durato. Cuadrado era si promettente ma fu qui che esplose definitivamente perchè a Udine giocava quasi terzino e qui fu avanzato, arrivando a farci vincere delle partita da solo (ricordo una partita a Genova contro la Samp la vinse lui). L'anno prima di arrivare da noi fu spedito in prestito secco al Lecce, col quale retrocesse, quindi non andammo certo a prendere un crack. Lo diventò poi qui.

Quanto al resto, ovvio che vada contestualizzato. Il calcio Italiano non era ancora in queste condizioni di oggi dove ti capitano gli scarti se ti va bene. Ma quanto sopra dimostra che la carta serve per pulirsi il culo, va visto cosa riescono a fare quando messi in campo, e qui vengono le note dolenti, lo sappiamo chi abbiamo come allenatore.

Tuttavia, stavolta pare sia stato diciamo "accontentato" se non altro più che nelle due stagioni precedenti. Gli attaccanti non erano di suo gradimento e dopo una sola stagione li hanno rimpiazzati entrambe. Il centrocampo è stato stravolto non tanto negli effettivi quanto nel tipo di calciatori, tornando di fatto più alla prima stagione di Italiano con Torreira che non alla precedente, quindi torniamo all'antico per così dire.

Dietro, come ho scritto, concordo con te perchè di certezze ce ne sono poche e di dubbi forse ce ne sono più di prima, a partire dal portiere tutto da scoprire fino ai centrali di difesa.

Ad ogni modo, il tuo 6 può starci, un pò meno quella sviolinata a "posteriori" sulle qualità dei centrocampisti della Fiorentina di Montella. A mio avviso, eh.
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

franciwlf

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 2048
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5511 il: Settembre 02, 2023, 08:48:06 am »
Finalmente è terminato il mercato.
Parisi, M. Lopez, Beltran ottimi colpi, mentre Nzola, richiesto dal tecnico, ora è un pachiderma ma sarà utile sicuramente quando sarà il forma.
Christensen e Mina, mi lasciano quantomeno quel profondo senso di incompiuto, di potrei ma non voglio.
Sulla sinistra, manca il titolare che ti faccia salire di livello.
Kouamé, Brekalo, Sabiri, Sottil, sono mezzi giocatori.
È rimasto Quarta, che il mister vede poco, e soprattutto non so con quanto spirito e motivazione possa giocare. È risaputo che l'argentino volesse andare via e che  Italiano avesse richiesto un centrale titolare,  rapido e bravo in impostazione, possibilmente mancino.
Non credo sinceramente che sulla carta abbiamo recuperato strada rispetto a Lazio Atalanta e Roma, che lo scorso anno ci sono arrivate davanti.
Ora parola al campo, sperando che qualcuna delle altre faccia harakiri e noi si sia pronti a cogliere la palla al balzo.
Voto: 6,5.

Ci sono rimasti sul groppone e Dalle Mura, Benassi, Kokorin, e Castrovilli non si sa che tempi di recupero possa avere.

Per gennaio mi auguro che non si rimanga immobili ma che si  provi a porre rimedio ai deficit conclamati.

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5512 il: Settembre 02, 2023, 01:23:27 pm »
Pizarro arrivò da svincolato a 33 anni dopo una stagione in cui, tra Roma e Man City, mise insieme 12 presenze in campionato, alla faccia del "centrocampista più forte d'Italia".

Borja Valero era addirittura retrocesso col suo Villarreal, "strappato" alla feroce concorrenza per ricchi 7 mln di euro. Gran bel giocatore con una testa fuori dal comune ma in 5 anni qui non credo di avergli visto fare un lancio che fosse uno. Ci lamentiamo del gioco di Arthur e dei suoi passaggini orizzontali quando Borja era un maestro in questo. Gol? 17 in 212 presenze tra campionato e coppe, media di un gol ogni 12.5 partite, quindi più o meno 3 gol a campionato.

Aquilani ce lo regalarono, tanto era forte e tanta era la concorrenza per accaparrarselo. Il Milan (ma anche la Juve prima), che lo aveva avuto in prestito, ci disse "prego, fate pure" quando arrivammo a trattarlo.

Un centrocampo su cui in pochissimi avrebbero scommesso un euro: piccolini, fisico zero. Poi sappiamo com'è andata, ma fu una scommessa da lascia o raddoppia con molti dubbi e ancor meno certezze. A posteriori ragioni come se avessimo avuto Modric e DeBruine a centrocampo, in quel contesto avevi messo insieme un centrocampo molto anomalo spendendo 7 mln con molte incognite (non tanto sui singoli quanto sul farli giocare insieme) e poche certezze. Quindi, quando dai giudizi pensa anche a questo, col senno di poi siamo tutti fenomeni.

Rossi lo riuscimmo a prendere perchè stava insieme col fil di ferro, infatti s'è visto quanto è durato. Cuadrado era si promettente ma fu qui che esplose definitivamente perchè a Udine giocava quasi terzino e qui fu avanzato, arrivando a farci vincere delle partita da solo (ricordo una partita a Genova contro la Samp la vinse lui). L'anno prima di arrivare da noi fu spedito in prestito secco al Lecce, col quale retrocesse, quindi non andammo certo a prendere un crack. Lo diventò poi qui.

Quanto al resto, ovvio che vada contestualizzato. Il calcio Italiano non era ancora in queste condizioni di oggi dove ti capitano gli scarti se ti va bene. Ma quanto sopra dimostra che la carta serve per pulirsi il culo, va visto cosa riescono a fare quando messi in campo, e qui vengono le note dolenti, lo sappiamo chi abbiamo come allenatore.

Tuttavia, stavolta pare sia stato diciamo "accontentato" se non altro più che nelle due stagioni precedenti. Gli attaccanti non erano di suo gradimento e dopo una sola stagione li hanno rimpiazzati entrambe. Il centrocampo è stato stravolto non tanto negli effettivi quanto nel tipo di calciatori, tornando di fatto più alla prima stagione di Italiano con Torreira che non alla precedente, quindi torniamo all'antico per così dire.

Dietro, come ho scritto, concordo con te perchè di certezze ce ne sono poche e di dubbi forse ce ne sono più di prima, a partire dal portiere tutto da scoprire fino ai centrali di difesa.

Ad ogni modo, il tuo 6 può starci, un pò meno quella sviolinata a "posteriori" sulle qualità dei centrocampisti della Fiorentina di Montella. A mio avviso, eh.

Chem ma che stai dicendo? Pizarro era al livello di Pirlo, e non solo alla Fiorentina. Solo al Manchester non ha reso ma veniva da un infortunio al ginocchio. Rispetto ad Arthur è come paragonare Batistuta a Scamacca.

Non capisco i ragionamenti che stai facendo. Batistuta è retrocesso con la Fiorentina, questo fa di Gabriel un attaccante non di livello?

Borja forse non lo avevi mai visto prima che arrivasse a Firenze. Ricordo un Napoli-Villarreal dove da solo cacciò fuori il Napoli. Era un centrocampista straordinario ben prima che arrivasse alla viola.

A leggerti sembra quasi che la Fiorentina di Montella fosse da serie B rispetto a questa. Oggi preferiresti questa coppia di punte ad una coppia Rossi-Toni? Preferiresti Brekalo a Jovetic? Preferiresti Arthur a Pizarro? Preferiresti Mandragora a Borja? Preferiresti Ranieri a Savic? Spero che tu non risponda si ad una di queste domande. Nell'attuale Fiorentina gli unici che si giocherebbero un posto nella squadra di Montella sarebbero Nico (ma farebbe comunque panchina a Cuadrado), Bonaventura (ma a centrocampo sarebbe molto più squilibrato rispetto ad Aquilani), Biraghi (siamo li con Pasqual, ma Manuel era sublime nei cross) e Milenkovic (che se la giocherebbe con Gonzalo). Per il resto ci sono tre categorie di differenza. Ma basta vedere i risultati, con una squadra che si faceva la champions e con l'altra che necessita della squalifica dei gobbi per partecipare alla conference, nemmeno all'europa league. E stiamo facendo un confronto? E tutto questo con un allenatore (Montella) che tutto era tranne che forte...
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5513 il: Settembre 02, 2023, 01:26:41 pm »
Finalmente è terminato il mercato.
Parisi, M. Lopez, Beltran ottimi colpi, mentre Nzola, richiesto dal tecnico, ora è un pachiderma ma sarà utile sicuramente quando sarà il forma.
Christensen e Mina, mi lasciano quantomeno quel profondo senso di incompiuto, di potrei ma non voglio.
Sulla sinistra, manca il titolare che ti faccia salire di livello.
Kouamé, Brekalo, Sabiri, Sottil, sono mezzi giocatori.
È rimasto Quarta, che il mister vede poco, e soprattutto non so con quanto spirito e motivazione possa giocare. È risaputo che l'argentino volesse andare via e che  Italiano avesse richiesto un centrale titolare,  rapido e bravo in impostazione, possibilmente mancino.
Non credo sinceramente che sulla carta abbiamo recuperato strada rispetto a Lazio Atalanta e Roma, che lo scorso anno ci sono arrivate davanti.
Ora parola al campo, sperando che qualcuna delle altre faccia harakiri e noi si sia pronti a cogliere la palla al balzo.
Voto: 6,5.

Ci sono rimasti sul groppone e Dalle Mura, Benassi, Kokorin, e Castrovilli non si sa che tempi di recupero possa avere.

Per gennaio mi auguro che non si rimanga immobili ma che si  provi a porre rimedio ai deficit conclamati.

Io direi che abbiamo perso rispetto a quelli che ci precedono. Su Nzola credo che possa essere utile, ma il problema è che se cerchiamo la punta da 20 gol abbiamo sbagliato uomo. Nzola è uno che fa reparto, fa salire la squadra, crea spazi per i compagni (oggi è ancora piantato a terra), ma al suo fianco servirebbe gente che sappia almeno centrare la porta. E non ne vedo molti...
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5514 il: Settembre 02, 2023, 01:32:20 pm »
Un'ultima cosa. Questo mercato ci ha fornito di una squadra inadatta al 4-3-3. Purtroppo con Italiano sarà impossibile, ma questa squadra dovrebbe giocare il 4-3-2-1, il famoso albero di natale. Rimpolperesti un po' il centrocampo giocando con Maxim Lopez al centro e con Mandragora e Arthur (anche se entrambi prediligono il lato sinistro, altro errore in fase di acquisto non prendere uno da mettere a destra), Bonaventura e Nico a fare i due trequartisti e poi la punta. Copriresti meglio la difesa e non perderesti nulla in attacco dato che tenere un Brekalo o un Sottil in panca non è certo un dramma...
Save by Frey...

Etrusco

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 2329
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5515 il: Settembre 02, 2023, 01:38:27 pm »
Non sono certo entusiasta di questo calciomercato, però ci siamo tolti dei tristoiesi come Terzic Jovic e Amrabat (per quest'ultimo ancora mai dire mai), però abbiamo dato via un Cabral che poteva in questa squadra starci. Incomprensibile essere rimasti senza un medianaccio assassino, di regista ne abbiamo uno ed in prestito dai gobbi, l'attacco è tutto da scoprire, il centrocampo è da paura, la difesa è quasi identica a quella del campionato scorso.
Voto al mercato: 5,5
Voto per plusvalenze e pareggi di bilancio: 9

alex1950

  • Ultras
  • *****
  • Post: 2921
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5516 il: Settembre 02, 2023, 02:34:31 pm »
Sulla carta è un mercato da 6,5 sul lato tecnico e da 7 su quello economico.
Aver concluso la rivoluzione copernicana davanti (via Cabral e Jovic, dentro Beltrand e N'Zola) ed a centrocampo (via Amrabat e dentro non uno ma due registi).

Sulla difesa il discorso è molto complesso /come abbiam visto col Lecce/ stessi errori/ stessi gol: il problema è di principio, cioè come ci si difende. Se ci sono delle lacune tattiche e tieni gli stessi giocatori, gli errori si ripeteranno alla prima occasione.
Si cambia il portiere? inutile, se l'avversario ha la porta spalancata può sbagliare una volta alla seconda ci fa gol.
Si cambia il centrale di piede sn? No perchè hai Ranieri che sta crescendo e bisogna puntarci.
Che s'è preso a fare Lima? Ancora devo capirlo, ma forse ci sarà un motivo.


Le soluzioni erano due: o cambiavi il sistema difensivo o cambiavi tutti gli interpreti. Si è scelto la soluzione conservativa con Dodò Milenkovic Ranieri (Quarta) Biraghi, tutti calciatori che già c'erano e che dopo esperienza dopo esperienza ...potrebbe essere che migliorino un po'!

Restano gli esterni e forse anche lì qualcosina poteva essere cambiato.

Sopra tutto ciò resta il fatto, incontrovertibile e non secondario, che quest'anno l'allenatore è rimasto soddisfatto, ha detto che la qualità è migliorata, alcuni li ha scelti personalmente, s'è tolto di torno qualche giocatore che non sopportava ......

... ora il RE è NUDO, non ha più alibi, deve mettercela tutta e soprattutto si deve prendere le sue responsabilità, senza scaricare colpe a destra (calciatori) e a manca (società).

Per il resto Beltrand Infantino Parisi Maxime Lopez Yakode Ranieri sono scelte giovani che abbinate all'esperienza di chi c'era già e Arthur e N'Zola ed alla crescita complessiva del gruppo fanno intravedere qualcosa che il campo, speriamo, avallerà.

Ripeto 6,5 alle scelte tecniche ... 7 alle scelte societarie.
#sempre-e-comunque#

Etrusco

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 2329
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5517 il: Settembre 02, 2023, 05:21:40 pm »
... ora il RE è NUDO, non ha più alibi, deve mettercela tutta e soprattutto si deve prendere le sue responsabilità, senza scaricare colpe a destra (calciatori) e a manca (società).
...e finalmente è nudo, aggiungo io.
Ha la simpatia di una cartella esattoriale dell'AdE, durante le sue (inutili) interviste post partita ne ha sempre inventate di tutti i colori pur di non ammettere i propri errori, non riesce a cambiare gioco quando è la partita in corso a chiederglielo, però fa i giochicchi, ora verticalizza un filo di più, mette la difesa a centrocampo e tanti sono felici.
Purtroppo è dai tempi dei fratellini che non comprendo tante scelte societarie ma sono convinto che con un allenatore di fascia alta avremmo con gli stessi giocatori fatto risultati ben diversi.
Comunque è iniziata una nuova stagione, siamo dentro alla Conference, vediamo se i neo attaccanti si svegliano, vediamo se Nico ci regge tutta la stagione da condottiero, soprattutto attendiamo i nuovi innesti come Parisi se sapranno davvero darci quel qualcosa in più.

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5518 il: Settembre 05, 2023, 10:20:59 am »
Salutano anche Sabiri è Kokogol.
L'operazione di entrambe resterà per sempre un mistero.
Se sul russo qualche speranza iniziale poteva anche esserci, il marocchino invece lascia perplessi.
Preso addirittura a gennaio, non gioca neppure un minuto in gare ufficiali dopo comunque un buon precampionato. Probabilmente sarà successo qualcosa dietro le quinte che ha spinto la società a lasciarlo partire.
Che operazioni assurde però....
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:MERCATO 2022
« Risposta #5519 il: Settembre 05, 2023, 10:32:22 am »
Questo fa capire il livello di incapacità degli uomini di mercato della Fiorentina. Sembriamo una barzelletta.
Save by Frey...