Fiorentina > Arenaviola

LA FIORENTINA DI ITALIANO

<< < (719/749) > >>

CHEM:

--- Citazione da: alex1950 - Febbraio 23, 2024, 11:58:27 am ---Non so se i calciatori dei settori giovanili italiani siano già pronti per giocare nelle prime squadre oppure no, anche se qualche dubbio, (dopo aver visto come si comportano in albergo, durante una vacanza per me ed un ritiro per loro,  sull'appennino modenese) ce l'ho. Questione di maturità.

Tuttavia trovo singolare che si sia costruito un centro sportivo megagalattico per poi non far esordire o quanto meno provare i migliori, a detta dei tecnici, prodotti del vivaio. Soprattutto quando si hanno problemi difensivi (per una difesa a tre) di centrocampo (Bianco, Amatucci non servivano) e sulle fasce (DiStefano non faceva comodo?).

Non so se dipenda dal tecnico o dal settore specifico.
Di fatto è un "nonsense", quando si vede che le squadre straniere (parlo soprattutto delle inglesi che hanno soldi per comprare in giro i prodotti migliori) che non si vergognano di buttare in campo un 2005 o un 2006, ...... mentre quì anche un Sottil (99) è considerato ancora giovane!

--- Termina citazione ---

Certo è che se li tieni tutti insieme, dei ragazzotti di 18 anni tranquilli non possono essere.
Se li inserisci coi grandi non credo che continuino a fare i cazzoni, altrimenti li mandano subito in culo.
Ad ogni modo, servirebbe anche un allenatore in grado di inserirli e non credo possa essere l'attuale allenatore.
La squadra B sarebbe un'ottima soluzione ma lo sarebbe anche sottoscrivere accordi con le formazioni Toscane che giocano tra B e C. C'è il Pisa e il Livorno, tanto per dirne due, la Pistoiese in D , l'Arezzo in C,  Grosseto e il Prato in D. Basterebbe mandarli lì con regolarità e certezza di farli giocare, li terresti sott'occhio senza affanno.
Fare come fatto con Pierozzi non ha il minimo senso, peggio ancora fare come con Infantino oggi e Zurkowski, Woski, Hagi e Hancko prima di lui. Vanno visti subito in campo, tenerli a macerare in panchina o tribuna ha zero senso.
Dunga, ad esempio, arrivò dritto a Pisa prima di venire da noi.
Nel 1984 (21 anni) fu acquistato dalla Fiorentina nell'affare Socrates, ma fu deciso di lasciarlo giocare in Brasile tre anni per maturare. Si trasferì al Corinthians per poi passare nel 1986 al Santos, e nel 1987 al Vasco da Gama. Nell'autunno del 1987 approdò in Italia al Pisa: con i nerazzurri Dunga raggiunse una sospirata salvezza. Nel 1988 passò alla Fiorentina

alex1950:
Se fai un centro sportivo così mi sembra il minimo puntare sui giovani, altrimenti, allora sì, che si buttano via i soldi, visti i costi di gestione. Però ... devi tesserare bravi insegnanti di calcio, avere uno scouting capillare e, soprattutto, oltre ad un DS competente, l'allenatore della prima squadra deve avere la propensione a lanciarli, l'occhio vispo per distinguere quelli buoni. Uno alla Sousa, per intendersi, che aveva mille difetti, ma i giovani bravi li vedeva ... e, soprattutto, li faceva giocare.

Detto questo, oggi ennesima partita ... della svolta, con poche speranze, purtroppo, avendole fallite tutte da tempo immemore. E oggi lo è ancora di più, perchè perdere oggi significa abbandonare del tutto i sogni di gloria che ... frigoriferi pieni e mercati inesistenti ... avevan fatto ritenere alla nostra dirigenza di essere già pronti per il salto di qualità definitivo. Anzi, col Torino che tra oggi e la partita prossima (scontro diretto) ci potrebbe sopravanzare di brutto, ci stà che tra una settimana ci troveremmo al 10° posto, ultimi della fila di sinistra, a distanze abissali dalle posizioni europee, pronti per saltare nella fila di destra. Il tutto, o quel poco di buono fatto a culo o a merito, buttato via in due mesi e con la prospettiva di affrontare tutte le grandi del campionato, le semifinali di Coppa Italia, l'ottavo di CL..... e non è che vincere, eventualmente, oggi, ci farà risolvere i tanti problemi visti e rivisti, evidenziati e sottolineati, i tanti errori fatti e rifatti ....

In ....culo alla balena, Fiorentina!

sololaviola:
Oggi abbiamo surclassato la Lazio e pure l'abbiamo vinta a stento, una partita dove se avessimo fatto sei gol non avremmo rubato nulla.

CHEM:
Tre punti meritati, solito gol preso in contropiede, una carretta di pali e solito rigore fallito ma stavolta non sono bastati.
Non una partita da ricordare ma mi fanno ben sperare gli abbracci tra i giocatori.

RaySantilli:
In quella posizione mi piace molto Beltran, forse gli abbiamo trovato un ruolo in cui può diventare davvero forte, molto bravo aa gestire i palloni anche in area.
Buono anche il ritmo, se riusciamo a mantenerlo possiamo riprenderci... quando sono entrati Barak, N'Zola e Lopez ho iniziato a tremare ma per fortuna é andata bene

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa