Quick Login

Autore Topic: LA FIORENTINA DI ITALIANO  (Letto 122000 volte)

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1515 il: Agosto 25, 2022, 08:13:30 pm »
Niente da fare,  non sono giocatori in grado di reggere la tensione.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1516 il: Agosto 25, 2022, 08:32:24 pm »
Ha lasciato dentro ikone che è fermo?
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1517 il: Agosto 25, 2022, 08:59:25 pm »
Non siamo in grado di buttare un pallone dentro nemmeno se si tolgono tutti.
Save by Frey...

Fumogenoviola

  • Supporter
  • ***
  • Post: 1020
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1518 il: Agosto 25, 2022, 08:59:53 pm »
San Pietro Terraciano
Forse chissà, succederà, canta con noi Giobba Rone se ne va...po-poro-po, po-poro-po...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1519 il: Agosto 25, 2022, 09:01:21 pm »
Se segnavano a jovic toccava prenderlo a calci da oggi fino a fine campionato.
Save by Frey...

Etrusco

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 2329
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1520 il: Agosto 25, 2022, 09:06:00 pm »
Banane! Si, Banane a iosa all'allenatore avversario sbruffone che dopo la spinta avrebbe meritato di finire in tribuna. Banane a bestia alla terna arbitrale, senza Var sti brodi fanno il cattivo tempo, non vedono un fallo assurdo da ultimo uomo ma salvano il ciccione allenatore e tralasciano le pedate che i nostri hanno ricevuto dagli avversari, per non dimenticare l'idiozia dell'espulsione. Banane a quintali nel caapranzi ad una tifoseria avversaria ridicola, caciarona e pure pericolosa, quindi meritano di andare a casa pure a fangala.

avoviola

  • Supporter
  • ***
  • Post: 934
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1521 il: Agosto 25, 2022, 09:10:12 pm »
Si gode contro questi str....

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1522 il: Agosto 25, 2022, 09:10:31 pm »
Comunque Igor è una bestia.  Quando avanzava provavano a pressarlo ma gli rimbalzavano addosso...
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1523 il: Agosto 25, 2022, 09:11:05 pm »
Si gode contro questi str....

Pubblico di merda.  Dei barbari.
Save by Frey...

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1524 il: Agosto 26, 2022, 08:15:58 am »
Comunque Igor è una bestia.  Quando avanzava provavano a pressarlo ma gli rimbalzavano addosso...

È incredibile la crescita che ha fatto, ieri pure meglio dello scorso anno, l'unico che ha davvero giocato con calma olimpica e lucidità da grande giocatore. Peccato per l'espulsione ma quella è una invenzione dell'arbitro piuttosto che un errore suo.

Faccio poi un appunto su due che ieri non mi sono piaciuti proprio per niente: Maleh e Venuti. Il primo non si capisce esattamente cosa sia, troppo arruffone e poca sostanza, sia in copertura che in appoggio. Il secondo ha una sola opzione, sopperire alla mancanza di livello consono a certe categorie con la testa (facendo le dovute proporzioni, cito Torricelli/Di Livio per capirci, due che sapevano di non essere fuoriclasse coi piedi ma lo erano di testa, nella concentrazione, nella determinazione). Ieri nel secondo tempo si è fatto bollare come un bischero e solo la deviazione di Igor ci ha salvato.

Sui gol bevuti da Ikone e soprattutto da Jovic segnalo solo la mia bestemmia sanificante che ancora rimbalza per casa. Cecchini
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1525 il: Agosto 26, 2022, 10:37:11 am »
Concordo principalmente con Venuti. Secondo me è importante nello spogliatoio, anche per la sua fiorentinità, ma non da quello che dovrebbe dare. Che non sia un fenomeno credo lo sappia anche lui, e non è una colpa. Però, come dici, non puoi commettere errori di concentrazione. Ieri non era la prima volta che si faceva beffare in quella tipologia di situazione. Io da Venuti non mi aspetto sovrapposizioni e dribbling ma almeno una maggiore attenzione alla fase difensiva. Invece molti pericoli sono arrvati sulla sua fascia. In un'altra azione l'ho visto sulla linea di centrocampo a cercare di fare un pressing assurdo lasciando completamente libera la sua fascia. Spero che questi errori gli servano per cresce.

Maleh ieri giocava per loro. Lui, a differenza di Venuti, ha caratteristiche più importanti, ma è un giovane e ha da crescere parecchio. A me piace per la sua mobilità in campo. Pressa, si propone, poi lo trovi in fase difensiva, e tecnicamente non è scarso. Ma ad oggi ha concretezza pari a zero.

Per il resto, a mente fredda, posso dire che mi è piaciuto Ikoné. Certo, sbaglia gol impressionanti, ma almeno s'è visto un giocatore presente e che ha messo in difficoltà l'esterno avversario. Io credo che con un paio di settimane in più lo vedremo più pronto fisicamente. Speriamo anche mentalmente. Finalmente ieri ha provato, per la prima volta, a puntare il fondo e per poco non ci è uscito un gol.

Mi ha deluso Sottil. Non perché sia stato tra i peggiori ma perché mi è sembrato di vedere il Sottil dell'anno scorso. L'altruismo delle prime gare lo ha abbandonato. Lui deve capire che più che un goleador deve diventare un assist-man. Ha le caratteristiche per sfornare decine di assist. Ieri ha fatto una grande giocata ed invece di cercare l'appoggio (certo, era Ikoné...) ha provato un improbabile tiro.

E sarò impopolare, ma a me Bonaventura non piace per nulla. Io ognmi volta che lo vedo giocare mi incazzo. Fa sempre tre tocchi in più del dovuto. Non sto dicendo che sia scarso, anzi è il giocatore tecnicamente più dotato del nostro centrocampo, ma spesso è dannoso per lo sviluppo dell'azione. Azione che speravo di vedere un po' più verticale ieri ma che, invece, è rimasta molto orizzontale (tranne in qualche ripartenza e poche giocate) e con troppi appoggi pericolosi al portiere.

Comunque si va avanti e siamo usciti "dall'inferno" lasciandoci i piagnucoloni olandesi con i loro barbari tifosi.

Elogio a Terracciano che ieri ha fatto una partita da 8 e che rimane il miglior portiere della nostra rosa.
Save by Frey...

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1526 il: Agosto 26, 2022, 11:14:22 am »
Sottil si piace troppo.
Se inforca una bella prestazione allora dalla successiva crede di essere Gesù in terra. È un limite su cui ci si può lavorare ma è anche un aspetto del carattere che può limitarlo ora e in futuro. Sta a lui.
Su Venuti concordo, deve avere qualcosa che lo aiuti a sopperire a certe evidenti lacune. Anche qui, sta a lui. Certo che non è un dramma, non è lui il titolare ma Dodó, quindi che sia il nuovo benarrivo non è tassativo.

Su Bonaventura invece non concordo con te. È il lavoro che gli viene chiesto di fare che non va bene. Forse 10 anni fa sarebbe stato ok ma non a 33 primavere e senza compagni di reparto dotati di piede limato.

Una cosa che avrei fatto a 10 dal termine sarebbe stata quella di mettere Dodó per ikoné ma onestamente non ho tenuto il conto dei cambi. Anche quello è un mistero, cioè rischi i supplementari col Twente per tenertelo buono per il Napoli? Non sarebbe forse stato meglio il contrario, visto che parliamo di uno che ha molta più esperienza di altri in rosa di competizioni europee?
Da questo punto di vista credo che Italiano non lo comprenderó mai fino in fondo.
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 136
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1527 il: Agosto 26, 2022, 12:33:11 pm »
Ieri Venuti non ha retto praticamente mai Misidjan, o chiunque transitasse dalle sue parti. Fortunatamente per la Fiorentina, Milenković e Igor in area non hanno fatto passare nemmeno uno spillo, complice pure l'evanescenza di van Wolfswinkel. In fase di possesso, poi, la squadra di Italiano (un allenatore che, ai tempi dello Spezia, quasi invogliava gli avversari al pressing, per poi aprire i varchi alle spalle della linea di pressione) ha subito tantissimo l'aggressività degli olandesi e, soprattutto nel primo tempo, ha faticato a tenere palla. Al centrocampo viola manca come l'acqua qualcuno che abbia il coraggio, la fisicità, la tecnica e la visione di gioco per farsi dar palla in quelle situazioni complicate, reggere l'urto, ripulire il pallone e rappresentare una valvola di sfogo per i compagni di reparto e i centrali di difesa.

Conta quante squadre di medio/alto livello ci sono in Europa e Inghilterra e dimmi onestamente se è possibile che tutte abbiano fatto lo stesso errore di sottovalutazione nel non prenderlo per una cifra "ridicola" per il valore del giocatore.
No vabbè, mica mi riferivo alle squadre di Premier o alle big europee, quando parlavo di "sottovalutazione". Il mio era un discorso rivolto più che altro alle squadre italiane, dato che Torreira avrebbe potuto far comodo a diversi club di vertice della Serie A: penso alla Lazio di Sarri, che ha appena perso Lucas Leiva e con un allenatore che ha sempre giocato in mezzo al campo con una tipologia di giocatori ben precisi (i vari Dioussé, Valdifiori, Jorginho, Arthur Melo). Oppure a Milan e Napoli, come alternativa a Bennacer e Lobotka, specialmente considerando che l'uruguaiano ha tutte le caratteristiche tecniche ideali per diventare un feticcio di Spalletti. Fuori dai confini nostrani, invece, forse l'unico club che immaginavo avrebbe potuto puntare su Torreira è il Valencia di Gattuso.

Sarebbe un discorso giusto se avessero preso un sostituto spendendo molto meno, ma lo hanno pagato poco meno di Torreira.
Sì, ma in ruolo comunque diverso. L'arrivo di Mandragora non preclude affatto possibile spazio ad Amrabat, come invece avrebbe fatto il riscatto di Torreira. Anzi, il fatto che quei soldi siano stati utilizzati non per acquistare a titolo definitivo l'uruguaiano, bensì per prendere un giocatore con caratteristiche palesemente diverse, avvalora la mia convinzione che la dirigenza gigliata abbia portato avanti un ragionamento meramente "di mercato", che non di campo. Poi rimane una supposizione, ovvio.

Etrusco

  • Supertifoso
  • ****
  • Post: 2329
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1528 il: Agosto 26, 2022, 12:50:07 pm »
Venuti ha diverse lacune tecniche ma con la concentrazione e la voglia giusta, gli ho visto fare gare importanti e poi cazzo, un toscano lo vogliamo tenere in squadra!?
Non mi soffermo su Ikonè o Jovic che se no mi incazzo come un airone finito in Germania a rompersi le palle.
Mi soffermo su quella testina di Riccardino, troppo convinto di essere il nuovo pallone d'oro e poi canna i passaggi finali o non li fa (ieri alcuni compagni gliene hanno dette di tutti i colori in campo), deve darsi una calmata ed abbozzarla di ascoltare suo padre che invece di tenerlo a freno lo sta pompando di brutto, tessendo su di lui lodi ancora troppo precoci.
Un bravo invece ieri lo dico al nostro attaccante brasiliano che ha tentato di fare pure il difensore e centrocampista che tanto di palle in avanti ne arrivavano zero.
« Ultima modifica: Agosto 26, 2022, 12:53:43 pm da Etrusco »

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1529 il: Agosto 26, 2022, 01:24:40 pm »
L'arrivo di Mandragora non preclude affatto possibile spazio ad Amrabat, come invece avrebbe fatto il riscatto di Torreira. Anzi, il fatto che quei soldi siano stati utilizzati non per acquistare a titolo definitivo l'uruguaiano, bensì per prendere un giocatore con caratteristiche palesemente diverse, avvalora la mia convinzione che la dirigenza gigliata abbia portato avanti un ragionamento meramente "di mercato", che non di campo. Poi rimane una supposizione, ovvio.

L'arrivo di Mandragora, ottimo a prescindere secondo me, è da contestualizzare in funzione anche della lista degli 8 cresciuti nel vivaio nazionale per la Conference.
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"