Quick Login

Autore Topic: LA FIORENTINA DI ITALIANO  (Letto 121996 volte)

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1680 il: Settembre 02, 2022, 10:41:38 am »
Chem c'è un piccolissimo problema. Io per valutare questo mercato faccio un confronto con la squadra che iniziò lo scorso campionato. Molti parlano del COLPO Jovic ma io lo scorso campionato avevo in campo uno che ha fatto 16 gol in un solo girone di andata. Certo, lo abbiamo ceduto a gennaio sostituendolo male (e non perché Cabral sia scarso ma perché tutto è tranne che l'attaccante adatto a Italiano) ma al nastro di partenza se confronto le due squadre sale lo sconforto. io in questo mercato vedo l'ingresso di Gollini per Drago, e negli equilibri della squadra non cambia nulla, tanto che il titolare sarà ancora un portiere che, tra l'altro, è in scadenza di contratto. A destra è arrivato Dodò, sulla carta buon giocatore, ma che dovrà sostituire Odriozola, sul campo ottimo giocatore. In difesa abbiamo un uomo in meno con una competizione in più. A centrocampo abbiamo un Barak in più ma un Castrovilli in meno, poi abbiamo sostituito Torreira con Mandragora, e non credo ci sia da aggiungere altro. In attacco, come detto partiamo con il colpo Jovic ma con 16 gol in meno, ed in campionato si stanno vedendo tutti. Come possa essere considerato sufficiente un mercato del genere non lo so. Squadra peggiorata ed attivo di mercato non speso.

Io non credo sia peggiorata.
Non mi sono però piaciute le ultimissime mosse di mercato, perché non si può lasciare 3 centrali e basta in rosa.
Per il resto vedo una squadra più quadrata e fisica che però non è assolutamente in condizioni fisiche idonee (e torno alla preparazione inutilmente pesante) e soprattutto non riesce a trovarsi come dovrebbe negli interpreti in campo perché continuamente stravolta in oltre la metà dei giocatori che scendono in campo.
Il turnover lo capisco e lo sposo pure, a patto che sia fatto con criterio. Ne puoi cambiare 4 a partita, gli altri 5 li sostituisci in corsa. Così facendo non entrano in forma e neppure si creano gli automatismi.
Lascio poi perdere l'integralismo tattico che non digerisco affatto, soprattutto a gara in corso.
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1681 il: Settembre 02, 2022, 12:37:09 pm »
Io è dall'anno scorso che dico che tocca trovare un'alternativa a Bonaventura e che il centrocampo a livello tecnico è scarso. Non avevamo gente che sapessero tirare in porta e continuiamo a non averne. Non avevamo esterni in grado di segnare e continuiamo a non averne. Avevamo una punta che sopperiva a tutti sti problemi (sapeva tirare da fuori area, segnava caterve di gol) e lo abbiamo ceduto per prendere due attaccanti che segnano solo se serviti a dovere. E a questo si aggiunge che non abbiamo gente in grado di servire le punte. Tu dici che è un problema di preparazione, io vedo invece che le punte non segnano dal giorno che è andato via Vlahovic. A fronte dei 16 gol di Dusan siamo passati ai 2 gol di Cabral e ai 3 di Piatek. E' già dall'anno scorso che è subentrato questo problema. Siamo passati da una media di 2 gol a partita ad una media di 1 gol a partita. Purtroppo non ce ne accorgiamo. Anche a livello di media punti, senza Dusan, eravamo fuori dall'europa. Io non vedo una squadra migliorata. Anzi...
Save by Frey...

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 136
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1682 il: Settembre 02, 2022, 01:43:40 pm »
Il centrocampo attuale, con Amrabat centrale, è un centrocampo più fisico, con Torreira era inferiore atleticamente.
Però Amrabat faceva parte dell'organico viola anche lo scorso anno, eh, non è mica un acquisto di quest'estate. E' stato semplicemente "promosso" a titolare, ma esclusivamente perché si è scelto di sostituire il giocatore che nella passata stagione gli era davanti nelle gerarchie con uno che, invece, è di livello inferiore (oltre che costretto a giocare in una posizione di campo che palesemente non gli è idonea, aggiungo io).

Non è dello stesso avviso Italiano, che mandò con quella dichiarazione un messaggio alla società.
In realtà, mi sembra proprio che Italiano intendesse dire, nei suoi messaggi (non così) "subliminali" lanciati alla società gigliata quest'estate, quello che scrivevo io, ossia che la scelta di operare per sottrazione (e non con l'obiettivo di migliorare il livello qualitativo del centrocampo viola) abbia portato la Fiorentina ad iniziare questo Campionato con una rosa inferiore, rispetto a quella dello scorso anno. Punto di vista che, del resto, vedo che condividi anche te.

Amrabat, Mandragora, Maleh, Duncan, Bonaventura e Barak. Chi sono gli altri tre centrocampisti? Ci consideri Benassi e Bianco?
Sì, e Żurkowski.

Io non credo sia peggiorata.
Fatico a capire come si possa considerare che l'aver sostituito uno dei migliori attaccanti in Europa con un centravanti che, invece, per varie ragioni, ha segnato sette gol complessivi nelle ultime tre stagioni e uno dei perni fondamentali della Fiorentina dello scorso anno con un elemento acquistato come prima scelta del ruolo per la panchina, non certo per fare il titolare con continuità, non porti a un peggioramento complessivo della squadra. Specialmente considerando, poi, che gli altri reparti dell'organico gigliato sono rimasti più o meno immutati, fatto salvo un paio di sostituzioni di giocatori partenti con altri di medesimo livello. Cioè, proprio a livello logico e "ontologico", ancor prima che tecnico, il peggioramento mi sembra evidente.

P. S. E' come se la Roma decidesse di sostituire Abraham e Pellegrini con Mariano Díaz e Sensi, senza rinforzare nemmeno gli altri reparti.

alex1950

  • Ultras
  • *****
  • Post: 2921
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1683 il: Settembre 02, 2022, 02:41:21 pm »
Però Amrabat faceva parte dell'organico viola anche lo scorso anno, eh, non è mica un acquisto di quest'estate. E' stato semplicemente "promosso" a titolare, ma esclusivamente perché si è scelto di sostituire il giocatore che nella passata stagione gli era davanti nelle gerarchie con uno che, invece, è di livello inferiore (oltre che costretto a giocare in una posizione di campo che palesemente non gli è idonea, aggiungo io).


E' stata un pura e condizionata SCELTA ECONOMICA; si è preferito proteggere l'investimento di 20 mln (Amrabat) a discapito dell'esborso preteso dall'Arsenal (6/7 mln) più l'ingaggio di Torreira (2,5/3,00 mln). Finanziariamente ineccepibile, ...calcisticamente un salto nel buio !
Amrabat, questo il senso del mio intervento, ci garantirà maggiore protezione difensiva a discapito, però, dell'idea di fondo dello schema d'Italiano "difendere bene, attaccare benissimo".
Semprechè lo stesso Italiano sia coerente: cambiare 3/4 di difesa con una delle squadre più fisiche del torneo è stato quantomeno un azzardo, per di più senza schierare Amrabat dall'inizio.
#sempre-e-comunque#

CHEM

  • Administrator
  • Supertifoso
  • ******
  • Post: 1933
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1684 il: Settembre 02, 2022, 03:20:47 pm »
Fatico a capire come si possa considerare che l'aver sostituito uno dei migliori attaccanti in Europa con un centravanti che, invece, per varie ragioni, ha segnato sette gol complessivi nelle ultime tre stagioni e uno dei perni fondamentali della Fiorentina dello scorso anno con un elemento acquistato come prima scelta del ruolo per la panchina, non certo per fare il titolare con continuità, non porti a un peggioramento complessivo della squadra. Specialmente considerando, poi, che gli altri reparti dell'organico gigliato sono rimasti più o meno immutati, fatto salvo un paio di sostituzioni di giocatori partenti con altri di medesimo livello. Cioè, proprio a livello logico e "ontologico", ancor prima che tecnico, il peggioramento mi sembra evidente.

P. S. E' come se la Roma decidesse di sostituire Abraham e Pellegrini con Mariano Díaz e Sensi, senza rinforzare nemmeno gli altri reparti.

Primo, ragioni come se Vlahovic avesse fatto tutta la stagione con noi ma così non è stato, e nonostante una lecita flessione abbiamo portato in fondo un'ottimo campionato.
Secondo, ragioni di Torreira come se fosse Pirlo ma, se escludi i gol che ha fatto nell'ultima parte di campionato, io non ricordo minimamente un giocatore che abbia spostato gli equilibri con qualche giocata/assist o cose del genere. Giocatore normalissimo, tant'è che è finito a giocare in Turchia da quanto è forte nonostante non sia a fine carriera. Avete un ricordo taroccato di quel giocatore.
Terzo, alla rosa dello scorso anno manca solo un centrale difensivo, sebbene l'apporto di Nastasic nel 2021/22 sia stato impalpabile se non addirittura dannoso. Per il resto abbiamo un centrocampista in più, messo più fisicità in mezzo (un centrocampo castrovilli Torreira Bonaventura ma anche Duncan mi fa sorridere se lo ripenso  oggi) e abbiamo sostituito un Piatek, quel "cecchino" che non legava il gioco, con uno più giovane che il pallone lo sa giocare anche fuori area e che deve solo ambientarsi e togliersi la ruggine.
Abbiamo sostituito un impalpabile se non dannoso Callejon con Kouame, che non sarà un fenomeno ma rispetto allo spagnolo è centori.
Abbiamo poi sostituito uno ormai spaesato Dragowski con un portiere che è stato nrl giro della nazionale, di sicuro non peggio del polacco.
Fatico moltissimo a capire chi dice che siamo peggiorati dal mercato, pare un ragionamento figlio delle ultime prestazioni (viziate da forma fisica di merda, turnover massiccio e mancanza di conoscenza in campo) piuttosto che una valutazione lucida.
"Un allenatore deve ALLENARE e, se è bravo, migliorare il materiale a disposizione"

Fumogenoviola

  • Supporter
  • ***
  • Post: 1020
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1685 il: Settembre 02, 2022, 05:10:27 pm »
Formazione contro le merde:
La migliore possibile senza Bonaventura e Gonzalez

Gollini
Dodo Milenkovic Igor Biraghi
Zurko amrabat Barak
Kouame jovic sottil

Pronostico: 0-0 1-1
Forse chissà, succederà, canta con noi Giobba Rone se ne va...po-poro-po, po-poro-po...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1686 il: Settembre 02, 2022, 06:26:35 pm »

Sì, e Żurkowski.


Vabbè, ma allora è come dire che abbiamo una rosa di 40 giocatori. C'è Favasuli, Toci, Di Stefano & co. Benassi con un qualsiasi altro allenatore starebbe in primavera. Zurko c'è solo perché hanno litigato con Cosmi e perché, grazie a Dio, lo Spezia cercava soldi per Nikolaou come fosse il più grande difensore d'Italia...
Save by Frey...

Gabriel_Omar

  • Visitatore
  • *
  • Post: 136
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1687 il: Settembre 02, 2022, 06:42:18 pm »
Primo, ragioni come se Vlahovic avesse fatto tutta la stagione con noi, ma così non è stato, e nonostante una lecita flessione abbiamo portato in fondo un ottimo campionato.
Vlahović non avrà giocato l'intera passata stagione con la Fiorentina, ma oltre la metà sì. E la sua importanza direi che si è vista e sentita, nella tara dei risultati della Viola dello scorso anno. Quindi, nell'effettuare il confronto, è ovvio che sulla bilancia vada incluso anche il peso specifico che la presenza del serbo ha avuto, seppur nella sola prima metà di Campionato 2021/22. Soprattutto considerando che la dirigenza gigliata, già a Gennaio scorso, non è certo riuscita a sostituirlo degnamente (cosa di per sé abbastanza difficile, in effetti).

Secondo, ragioni di Torreira come se fosse Pirlo ma, se escludi i gol che ha fatto nell'ultima parte di campionato, io non ricordo minimamente un giocatore che abbia spostato gli equilibri con qualche giocata/assist o cose del genere.
Mai detto che Torreira sia equiparabile a Pirlo o Xavi, ma la sua importanza all'interno della Fiorentina dello scorso anno è innegabile. A tal proposito, consiglio la lettura di quest'articolo, che spiega bene la centralità che aveva il giocatore uruguaiano per la squadra di Italiano: https://www.ultimouomo.com/torreira-fiorentina-pressing-equilibrio/

Importanza che andava ben al di là degli "assist o qualche giocata" (anche perché il suo ruolo e i suoi compiti erano ben altri), posto che i suoi cinque gol messi a referto con la maglia viola sono comunque risultati fondamentali, per la qualificazione della Fiorentina nella passata stagione ad una competizione internazionale.

Giocatore normalissimo, tant'è che è finito a giocare in Turchia da quanto è forte, nonostante non sia a fine carriera.
Anche Icardi è finito a giocare in Turchia. Poi per carità, opinioni personali, ci mancherebbe. A mio avviso, Torreira rimane tutto, fuorché un "giocatore normalissimo". E continuo a ripetere che la sua assenza si sentirà molto (anzi, direi che già adesso si sta sentendo), per la Fiorentina di quest'anno.

Per il resto, abbiamo un centrocampista in più (...).
Non che se ne sentisse davvero il bisogno, dato che, come scrivevo qualche pagina fa, i centrocampisti attualmente a disposizione di Italiano sono addirittura nove (!), per soli tre slot. Per la Fiorentina, era necessario aumentare il livello qualitativo, e non meramente quantitativo, del reparto: cosa che, con Barák (ottimo giocatore, sia chiaro, seppur con pregi e difetti evidenti: direi che è il Souček della Serie A) e Mandragora non penso sia stata portata a termine con successo.

Per il resto abbiamo (...) messo più fisicità in mezzo (...).
Sì, ma anche tolto quel poco di qualità da un reparto che, invece, ne avrebbe avuto assoluto bisogno. Anzi, semmai la necessità era proprio quella di aumentare il tasso qualitativo del centrocampo, non di diminuirlo.

Abbiamo poi sostituito un ormai spaesato Dragowski con un portiere che è stato nel giro della Nazionale, di sicuro non peggio del polacco.
Sì, ma stiamo parlando dei portieri di riserva, ossia un ruolo assolutamente marginale, nella tara finale del valore di una rosa. Tra l'altro, Gollini (che ritengo effettivamente un ottimo portiere, al pari di Drągowski) è sceso in campo con la Nazionale italiana soltanto per un paio di minuti di UNA sola partita (che l'Italia, per di più, stava conducendo in quel momento per tre a zero).

Fatico moltissimo a capire chi dice che siamo peggiorati dal mercato, pare un ragionamento figlio delle ultime prestazioni (...), piuttosto che una valutazione lucida.
Falso, ho espresso le stesse considerazioni in merito già nelle settimane precedenti e proprio su questo thread, quando faticavo a comprendere l'ottimismo/esaltazione che si respirava su questo stesso forum per il mercato che stava portando avanti la Fiorentina. I risultati deludenti della squadra di Italiano in questo inizio di Campionato, pertanto, non mi sorprendono affatto e, semmai, sono solo la conferma di quanto già pensavo uno o due mesi fa.
« Ultima modifica: Settembre 02, 2022, 06:46:37 pm da Gabriel_Omar »

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1688 il: Settembre 02, 2022, 06:44:09 pm »
Primo, ragioni come se Vlahovic avesse fatto tutta la stagione con noi ma così non è stato, e nonostante una lecita flessione abbiamo portato in fondo un'ottimo campionato.
Secondo, ragioni di Torreira come se fosse Pirlo ma, se escludi i gol che ha fatto nell'ultima parte di campionato, io non ricordo minimamente un giocatore che abbia spostato gli equilibri con qualche giocata/assist o cose del genere. Giocatore normalissimo, tant'è che è finito a giocare in Turchia da quanto è forte nonostante non sia a fine carriera. Avete un ricordo taroccato di quel giocatore.
Terzo, alla rosa dello scorso anno manca solo un centrale difensivo, sebbene l'apporto di Nastasic nel 2021/22 sia stato impalpabile se non addirittura dannoso. Per il resto abbiamo un centrocampista in più, messo più fisicità in mezzo (un centrocampo castrovilli Torreira Bonaventura ma anche Duncan mi fa sorridere se lo ripenso  oggi) e abbiamo sostituito un Piatek, quel "cecchino" che non legava il gioco, con uno più giovane che il pallone lo sa giocare anche fuori area e che deve solo ambientarsi e togliersi la ruggine.
Abbiamo sostituito un impalpabile se non dannoso Callejon con Kouame, che non sarà un fenomeno ma rispetto allo spagnolo è centori.
Abbiamo poi sostituito uno ormai spaesato Dragowski con un portiere che è stato nrl giro della nazionale, di sicuro non peggio del polacco.
Fatico moltissimo a capire chi dice che siamo peggiorati dal mercato, pare un ragionamento figlio delle ultime prestazioni (viziate da forma fisica di merda, turnover massiccio e mancanza di conoscenza in campo) piuttosto che una valutazione lucida.

Chem, senza Vlahovic e Torreira l'anno scorso finivamo oltre il decimo posto. Stiamo parlando del primo e del terzo marcatore della squadra. In due hanno segnato quasi la metà dei gol. Inoltre Torreira anche se non è Pirlo dava sicuramente più ordine, cosa che Amrabat e Mandragora non fanno. E non dico nemmeno che non si possa giocare con il mediano al posto del regista, dai più equilibrio, ma non puoi giocare con Maleh, Barak, Duncan e roba del genere al suo fianco. Come interni dovevi mettere giocatori di tutt'altro livello. Barak non è scarso ma a livello di caratteristiche non è quello che ci serve. In un centrocampo senza un costruttore di gioco mi metti un elemento lento? Soffrirà la lentezza di costruzione (ed infatti con l'Udinese scendeva in posizione di regia a prendersi il pallone).

Comunque non abbiamo sostituito Piatek ma abbiamo sostituito Vlahovic. Vlahovic era un nostro giocatore l'anno scorso. L'abbiamo venduto tamponando, male, con Piatek. Jovic deve sostituire i gol di Vlahovic, non quelli di Piatek. Se ti bastava sostituire i gol di Piatek allora potevamo prendere anche Petagna e mettere 8 in pagella al mercato. Il peoblema è che oggi noi siamo molto più simile alla squadra post Vlaovic, cioè una squadra che ha tento una media punti da nono posto, anche sorretta da un Tirreira che ci ha risolto almeno sei partite. Ce lo dimentichiamo? Con Amrabat al posto di Torreira l'anno scorso terminavamo anche dietro al Verona. Ci stiamo meravigliando delle difficoltà di questo inizio campionato, certo, perché ci siamo dimenticate di quelle dello scorso campionato. Tanto per continuare con i numeri per capire le difficoltà di questa squadra. L'anno scorso Dusan non segnò in in nove partite. Vuoi sapere quanti punti facemmo in quelle nove gare? 4 punti. Quanti gol segnati? 4. Sembra prepotentemente la squadra attuale.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1689 il: Settembre 02, 2022, 06:50:01 pm »

Falso, ho espresso le stesse considerazioni in merito già nelle settimane precedenti e proprio su questo thread, quando faticavo a comprendere l'ottimismo/esaltazione che si respirava su questo stesso forum per il mercato che stava portando avanti la Fiorentina. I risultati deludenti della squadra di Italiano in questo inizio di Campionato, pertanto, non mi sorprendono affatto e, semmai, sono solo la conferma di quanto già pensavo uno o due mesi fa.

Concordo con quello che dici tranne che su questa ultima parte. L'entusiasmo c'era, ma al tempo non si prevedeva di terminare il mercato in questo modo. Si parlava di Lo Celso, di Luis Alberto (vere o false che fossero le notizie). Fosse arrivato un giocatore di quel calibro il centrocampo avrebbe avuto un netto miglioramento. Addirittura si parlava sia di Lo Celso che di Bajrami, non un campione ma già un passo avanti a livello tecnico rispetto alla maggioranza di centrocampisti che ci sono. Pensa poi come posso essere contento io che già l'anno scorso, quando tutti cercavano difensori (difesa che ho sempre ritenuto il nostro miglior reparto) e attaccanti, vaneggiavo dicendo che ci servivano interni di qualità...
Save by Frey...

RaySantilli

  • Supporter
  • ***
  • Post: 1183
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1690 il: Settembre 02, 2022, 11:57:31 pm »
Formazione contro le merde:
La migliore possibile senza Bonaventura e Gonzalez

Gollini
Dodo Milenkovic Igor Biraghi
Zurko amrabat Barak
Kouame jovic sottil

Pronostico: 0-0 1-1

Se ci metti Nico al posto di Kouame questa dovrebbe essere la nostra formazione tipo, Bonaventura può entrare l'ultima mezz'ora a gestire il pallone, così come a sinistra Duncan

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1691 il: Settembre 03, 2022, 03:13:16 pm »
Ok, considerando il numero di gol che segnamo direi che la partita è già finita. 9 minuti.
Save by Frey...

alex1950

  • Ultras
  • *****
  • Post: 2921
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1692 il: Settembre 03, 2022, 03:15:03 pm »
La palla cross di Cuadrado non doveva passare se li c'è uno normale  ..
#sempre-e-comunque#

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1693 il: Settembre 03, 2022, 03:26:43 pm »
È Maleh che non doveva lasciare cuadrado da solo. Inoltre quando saltano il primo pressing siamo sempre sull'uno contro uno.
Save by Frey...

sololaviola

  • Administrator
  • Violanato
  • ******
  • Post: 7979
    • Mostra profilo
Re:LA FIORENTINA DI ITALIANO
« Risposta #1694 il: Settembre 03, 2022, 03:30:17 pm »
Non ne abbiamo uno che prende lo specchio...
Save by Frey...